BIBLIOCALCIO – I consigli per un’ottima lettura sportiva #46

Bibliocalcio, consigli per un'ottima lettura sportiva

Tema della settimana:

Con questa faccia da straniero. I calciatori di serie A dopo la riapertura delle frontiere” di Alberto Pallotta, Ultra Sport (2020)

Finalmente è ripartita la serie A, tanti i volti nuovi di questo ennesimo campionato sempre più votato all’esterofilia. Sono ormai lontane le stagioni dei tre stranieri per rosa, oggi come oggi le squadre pescano infatti e piene mani sul mercato internazionale, esplorando anche nuove frontiere. Per tenere il conto di quanti e quali sono stati gli stranieri ad essere approdati in Italia c’è la preziosissima opera di Alberto Pallotta: non propriamente un libro di calcio, ma piuttosto un dizionario pieno zeppo di dati anagrafici, statistiche, foto e una breve descrizione biografica, di tutti, ma proprio tutti, i calciatori stranieri che dalla riapertura delle frontiere nella stagione 1980-81, fino alla stagione 1999-00 si sono visti in azione sui campi della nostra serie A. Una carrellata di oltre cinquecento ritratti, dai campionissimi come Platini, Maradona, Zico, Van Basten, Ronaldo, Batistuta ecc., fino agli immancabili bidoni e le curiose meteore che durante i venti anni presi in considerazione hanno affollato i sogni, e perché no anche gli incubi, dei tifosi di tutta Italia. Avendo il libro tutte le caratteristiche di un corposo dizionario può essere letto ma anche solo consultato alla ricerca di dati e/o informazioni. Arriverà presto la seconda parte?

Ultima uscita:

“Splendori del calcio socialista” di Vincenzo Paliotto, Urbone Publishing (2022)

Sembra ieri quando un muro divideva Berlino e un confine immaginario i paesi del blocco socialista dall’Europa occidentale. Eppure sono passati più di trent’anni dallo sgretolamento di quello che era più di un simbolo. Il calcio da allora è cambiato molto, si è globalizzato spazzando via l’autarchia dei club così come i vincoli sulla circolazione degli atleti. Vincenzo Paliotto con un meraviglioso tuffo nel passato racconta com’era il calcio oltre cortina, cosa rappresentava per i regimi e per gli uomini; le idee di gioco che proponeva e ovviamente i suoi protagonisti. Dalla realtà del socialismo di Stato, ai successi sul campo sia da parte delle rappresentative nazionali che dei club. Gli appassionati non tarderanno a ritrovare, tra le pagine del libro, un pizzico di Eduardo Galeano a cui Paliotto s’è chiaramente ispirato nel racconto. Viste le premesse la lettura è doverosa.

Uno sguardo al passato:

“I Magnifici 50 del calcio mondiale” di Josè Altafini, Sperling & Kupfer (1985)

Gli anni ’80 non sono stati particolarmente interessanti dal punto di vista dell’editoria sportivo/calcistica. Tra i pochi lavori degni di nota si può certamente annoverare l’esperimento del mitico Josè Altafini che per la Sperling & Kupfer ha dato vita ad una personale classifica dei migliori 50 giocatori al mondo, stilandone un profilo tecnico-biografico. Nonostante l’ottimo prodotto editoriale: copertina rigida, carta patinata, tante foto, il libro pecca di un pizzico di partigianeria visti i tanti, certamente troppi, giocatori militanti nel campionato italiano inclusi in questa TOP-50. Ovviamente il passare del tempo ha ulteriormente svilito il lavoro di Altafini, il quale però mantiene comunque un certo fascino. Il libro ha dalla sua anche un excursus storico del calcio italiano dal 1958 al 1985 ad opera di Lello Gurrado.

SportSud Book:

“Storia del Napoli” di Athos Zontini, EUS (2015)

La prima edizione di questo libro risale al 1964. Si ebbe a cura del settimanale Sport Sud e non era altro che una serie di 16 fascicoli che andavano a comporre un libretto di grande interesse e valore, non solo per le tantissime foto presenti ma soprattutto perché l’autore Athos Zontini, giocatore e poi medico del Napoli è stato testimone diretto di buona parte degli avvenimenti raccontati, tant’è che nella edizione originale è possibile leggere: “Sport Sud intende ringraziare pubblicamente Athos Zontini. La sua Storia del Napoli – una storia umana, commovente, palpitante – ha fatto rivivere le ore più belle agli sportivi azzurri, si è rivelato un documento di eccezionale, splendido interesse”. Nel 2015 il figlio di Zontini, Leandro, ha voluto riproporre tale pubblicazione dando così il modo ai tifosi azzurri di ripercorrere con gli occhi dell’autore la storie e le vicissitudini del Napoli dagli inizi fino agli anni ’60.

Antonio Vespasiano (gruppo Facebook Bibliocalcio; sito Bibliocalcio.com)

Leave a Reply

Your email address will not be published.