Regalate uno psicologo ai salernitani!

Lo afferma il prof. Richard Smith, docente presso l’Università del Kentucky e specialista nello studio del fenomeno dell’invidia.

Articolo di Vincenzo Imperatore01/05/2023

© “SALERNITANA” – FOTO MOSCA

A volte si festeggia per un pareggio e non bisogna meravigliarsi. Per anni, quando il Napoli era una “provinciale” del calcio, in città si facevano caroselli per un punto strappato a Torino o Milano.

Nessuno scandalo perché nel calcio, specchio della vita, non è raro trovarsi nella fastidiosa situazione di provare invidia o persino dispiacere se si percepisce benessere e successo da parte di un’altra tifoseria o comunità. Molte volte risulta difficile rallegrarsi della felicità altrui, nonostante l’amore che si prova per il football, ma in questo caso  potrebbero esserci dei disturbi psicologici soggiacenti.

A tal proposito forse la filosofia popolare è saggia: come può essere felice per gli altri una persona che non trova da tempo la sua felicità?

Gli psicologi dichiarano che questa tendenza a mostrarci restii al benessere emotivo altrui potrebbe essere catalogata come una condotta sociale disfunzionale: i sintomi depressivi sono spesso correlati a una bassa qualità delle relazioni personali.

Uno stato d’animo povero è spesso associato anche all’erosione dell’autoconcetto. Un impoverimento della visione di sé stessi che con frequenza si ripercuote anche sulla sua vicina più prossima: l’autostima.

In questo senso, ci troviamo in presenza di un fenomeno curioso: gravi danni al nostro autoconcetto ci rendono più propensi a risaltare negli altri quello che possiedono, o riteniamo che possiedono, in maggiore misura o consistenza. E sovradimensionarne gli attributi causa, naturalmente, un sentimento di avversione e un atteggiamento negativo in tutte quelle circostanze e qualità positive che implicano il ricordo e la convalida degli stessi.

È, in altri termini, un riconoscimento sofferto di superiorità.

D’altro canto, l’ostilità tacita, osservabile nelle persone con caratteristiche tipiche della personalità passivo-aggressiva, è relazionata all’invidia; sarebbe questo sentimento a mediare tra uno stato psico-affettivo incrinato e la tendenza a valorizzare in negativo quello che gli altri possiedono in positivo.

Attenzione, però, perchè l’invidia isolata non è il sintomo di una patologia. Richard Smith, docente presso l’Università del Kentucky e specialista nello studio del fenomeno dell’invidia, sottolinea infatti che parte della nostra sopravvivenza si basa sull’invidia: impieghiamo il confronto come unità di misura del nostro status e come forza motrice verso il miglioramento personale. L’invidia “fisiologica” è necessaria.

Se, invece, venire a conoscenza della felicità altrui produce un malessere troppo intenso o interferisce negativamente con la nostra vita, allora, sì, che possiamo parlare di un problema. E andare dallo psicologo.

Solo poche ore di attesa e gli studi di psicologi, psicoanalisti e, forse psichiatri, saranno in overbooking.

Leggi anche:

Napoli, Imperatore

Imperatore consiglia: “Diamo la fascia di capitano a lui”

Dopo il caso Di Lorenzo, Vincenzo Imperatore, noto scrittore e consulente finanziario, ha detto la...

Vincenzo Imperatore, Conte

Imperatore su Conte: “Solo il Napoli può permetterselo”

Il nostro Vincenzo Imperatore ha rilasciato un'intervista nella quale si è espresso sull'operazione che porterà...

Napoli, Spalletti

Napoli, Imperatore su Spalletti: “Credo che la cittadinanza onoraria vada revocata”

Il giornalista Vincenzo Imperatore ha rilasciato alcune dichiarazioni, in merito alla cittadinanza onoraria di Napoli,...

Vincenzo Imperatore, Conte

De Laurentiis cita il nostro Vincenzo Imperatore: “I tifosi devono diventare aziendalisti”

Aurelio De Laurentiis ha citato l'articolo del nostro Vincenzo Imperatore durante l'anteprima del film dedicato...