“Ti piace il calcio?” “Questo no”

È il calcio che non ci piace, dove all'interno degli stadi italiani regnano violenza e continui episodi di razzismo.

stadio maradona
Articolo di Luciano Scateni04/04/2023

©️ “JSTADIO MARADONA” – FOTO MOSCA

È il calcio che non ci piace, di corrotti e corruttori, di bilanci delle società truccati, di miliardari avidi di interessato protagonismo che ‘comprano’ club in difficoltà finanziarie o particolarmente appetibili, di petrolieri, emiri, tycoon Usa, nababbi cinesi, che accumulano montagne di dollari senza muovere un dito.

È forse azzardato, forse no, il confronto la malavita che si appropria di attività produttive, negozi, fabbriche in profonda crisi. L’inquinamento di un mondo nato per il divertimento popolare e progressivamente degenerato, è comunque conseguenza di società economicamente opulente e sempre meno rispettose dell’etica.

Non è un caso se le tante prerogative del calcio variano da punte altissime di spettacolarità all’infimo di violenze, razzismo, pseudo campanilismo esasperato, se denunciano patologie da virus privi di vaccino.

Esempio clamoroso di sofferenza sociale, di patologie né prevenute, né curate, è il dilagante, divisivo espandersi del razzismo negli stadi e nel sociale, in buona parte alimentato dai media, che per meri motivi di consenso delle tifoserie rappresentate, soffiano sul fuoco della rivalità. ‘Fatti’ di questi giorni’: il Napoli delle meraviglie disputa la sfida casalinga con il Milan nell’allucinante sabotaggio degli ultra, che con mezzi materialmente ‘persuasivi’ impongono il silenzio all’intero stadio Maradona e insultano De Laurentiis, perché deciso a rompere l’illecita prassi di ‘pagare’ il tifo sonoro per la propria squadra.

Guardando in su, al nord del Paese, lo scenario si incupisce, estremizza il peggio di ingiurie antimeridionali e becero razzismo: Cesena, molotov contro striscione del Napoli: fiamme sul terrazzo. Motivo? Un tifoso napoletano residente in quella città espone sul balcone di casa uno striscione del Napoli club. Anonimi imbecilli lanciano una bottiglia molotov, per fortuna senza ferire nessuno. I carabinieri, ritengono che i responsabili siano ultra locali.

Poco ci piace che in una serata ‘no’ degli azzurri una manciata di violenti trasformi un evento sportivo in violenta rivendicazione dell’assurdo. Questo calcio non ci piace e men che mai l’immediato allungare le mani della camorra sugli affari che ruotano intorno alla probabilissima conquista dello scudetto.

Traore Napoli

Un pari stentato, Napoli in grigio: 1 a 1 con il Genoa

Il Napoli non va oltre il pari contro il Genoa, ci pensa Ngonge a salvare...

Meno 7 dalla Champions: 0-1 contro il Milan

Perde ancora il Napoli in trasferta. La sconfitta contro il Milan fa sprofondare i campioni...

Verona ‘knock out’, tre punti preziosi per un Napoli in chiaroscuro

Felici sorprese oggi, tra l'ottima forma di Kvaratskhelia, la prima firma di Ngonge e l'assist...

Caro Jannik…

A breve, anche Jannik Sinner entrerà a far parte del novero dei "vip" italiani espatriati...