Lozano lancia la scintilla ed il Napoli s’infiamma

Lozano lancia la scintilla ed il Napoli s’infiamma

©️ “LOZANO” – FOTO MOSCA

Centrocampo a tre con Ndombele al posto di Zielinski. La fascia sinistra è completamente rinnovata rispetto alla trasferta di Bergamo, con Rui e Raspadori dal primo minuto. In difesa c’è Ostigard ad affiancare Kim.

I primi squilli azzurri si rivelano essere sterili, di quelli che creano poco meno di qualche fastidio alla difesa dell’Empoli. Il Napoli prova sempre la soluzione laterale, ma i cross sono schermati da Luperto e Ismajli e non raggiungono mai Osimhen. Il nigeriano, d’altro canto, non lega il centrocampo col reparto offensivo. In 45 minuti di gara, gli uomini di Spalletti non cercano mai le vie centrali, anche perché manca l’uomo sulla trequarti. L’unica occasione arriva negli ultimi secondi della prima frazione di gioco, dopo un triangolo – non a caso centrale – tra Ndombele, Osimhen e Raspadori, con l’ex Sassuolo che arriva al tiro: di poco a lato.

Spalletti cerca la svolta al 62esimo con un triplo cambio: Zielinski, Elmas e Lozano per gli spenti Raspadori, Ndombele e Politano. Il messicano spaventa subito Parisi con uno scatto fulmineo. Ma è ancora Osimhen a “rubare” il risultato, procurandosi un rigore preziosissimo in una gara tesa e poco entusiasmante. Il nigeriano allunga la gamba per catturare un pallone lontano da lui, anticipando Marin che gli rimedia un calcione. Sul dischetto realizza Lozano.

Il Chucky cambia le carte in tavola col suo ingresso. Tra slalom e cross, il messicano prima costringe l’Empoli a proseguire la partita in 10, procurando l’espulsione per doppia ammonizione all’ex Luperto, poi confeziona un cross perfetto per i piedi di Zielinski che chiude la gara all’88esimo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.