Salvatore Elia e Giacomo Calò: i fedelissimi di mister Fabio Caserta

Salvatore Elia e Giacomo Calò: i fedelissimi di mister Fabio Caserta

© “FABIO CASERTA” – FOTO MOSCA

Dopo la retrocessione in Serie B, il presidente Oreste Vigorito non ha avuto dubbi ed ha affidato immediatamente la panchina del Benevento a Fabio Caserta. Un allenatore giovane, con le idee chiare e un gioco lineare e ben impostato. Emergente, ma non troppo: alle spalle, infatti, già due promozioni in carriera con Juve Stabia e Perugia. Antonio Conte come modello di riferimento, “Ho sempre amato il bel calcio ma non disprezzo l’essere pratico”. Carisma, carattere e coraggio capisaldi imprescindibili della sua persona e delle squadre che allena, “Chiederò ai ragazzi di lottare per 90 minuti: questa è la cosa più importante”.

Il 4-3-3 come marchio di fabbrica, ma anche 3-5-2 o 4-2-3-1 a seconda delle circostanze. L’obiettivo, mai celato, è quello di riportare il Benevento in Serie A. Tra le fila dei sanniti anche Marco Sau e Riccardo Improta, che con Fabio Caserta hanno condiviso parte dell’avventura da calciatore e capitano a Castellammare. Ma soprattutto ci sono Salvatore Elia e Giacomo Calò: i fedelissimi dell’allenatore calabrese.

Il 15 giugno è arrivata l’ufficialità di Fabio Caserta sulla panchina del Benevento. Dopo appena un mese, precisamente il 14 e il 20 luglio, la società giallorossa ha chiuso le operazioni in entrata, rispettivamente, di Giacomo Calò e Salvatore Elia. Il primo, centrocampista di qualità, proveniente dal Pordenone, il secondo, esterno tutta fascia, arrivato dal Perugia. Profili certamente richiesti dal nuovo allenatore e prontamente portati in Campania dal direttore sportivo Pasquale Foggia, con il placet del presidente Vigorito.

A Benevento i pupilli di mister Fabio Caserta

Fabio Caserta ha potuto così riabbracciare i suoi pupilli. Si tratta dei due calciatori più utilizzati in carriera dal tecnico calabrese: 98 presenze complessive per Calò, 97 presenze totali per Elia. Entrambi hanno disputato sotto la gestione e l’ala protettrice di mister Caserta ben 4 campionati.

Giacomo Calò è stato il perno centrale della Juve Stabia che ha ottenuto la promozione in Serie B nel 2019. Regista dai piedi sopraffini e dalle qualità cristalline, lanciato da Caserta già nel 2017, ad appena vent’anni. Sempre titolare, anche nel campionato cadetto. Il migliore, probabilmente, nell’annus horribilis delle Vespe, quello della scandalosa retrocessione in C, dopo il lockdown di marzo 2020. Addirittura, Salvatore Elia ha vinto ben due campionati assieme all’attuale allenatore del Benevento: quello con la Juve Stabia nel 2019 e quello con il Perugia la passata stagione. Pedina inamovibile nello scacchiere tattico di mister Fabio Caserta: protagonista assoluto sulla fascia destra o sull’out di sinistra, con licenza di inventare, improvvisare e creare scompiglio nelle difese avversarie.

Alle dipendenze di Fabio Caserta i due calciatori hanno realizzato complessivamente 21 gol e 33 assist. Numeri notevoli che danno coscienza dell’importanza di Elia e Calò nei piani di gioco dell’allenatore classe ’78. Il centrocampista e l’esterno offensivo saranno sicuramente protagonisti anche con la maglia del Benevento. Tuttavia, questa volta l’asticella delle ambizioni si alza. Dopo le promozioni in Serie B, il magico trio è pronto all’assalto alla Serie A.

Leave a Reply

Your email address will not be published.