Salernitana a testa alta all’Olimpico: il sogno granata dura 80 minuti

La Salernitana ha tenuto testa ai giallorossi, battagliando fino alla fine. I granata meritavano di più, ma alla fine è arrivata l'ennesima sconfitta stagionale. La rincorsa salvezza riparte da Genova.

Articolo di Luca Piedepalumbo10/04/2022

[cmsmasters_row data_width=”boxed” data_padding_left=”3″ data_padding_right=”3″ data_top_style=”default” data_bot_style=”default” data_color=”default” data_bg_position=”top center” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_size=”cover” data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_padding_top=”0″ data_padding_bottom=”50″ data_padding_top_large=”0″ data_padding_bottom_large=”0″ data_padding_top_laptop=”0″ data_padding_bottom_laptop=”0″ data_padding_top_tablet=”0″ data_padding_bottom_tablet=”0″ data_padding_top_mobile_h=”0″ data_padding_bottom_mobile_h=”0″ data_padding_top_mobile_v=”0″ data_padding_bottom_mobile_v=”0″ data_shortcode_id=”9ulvulhy4″][cmsmasters_column data_width=”1/1″ data_bg_position=”top center” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_size=”cover” data_border_style=”default” data_animation_delay=”0″ data_shortcode_id=”jzvoseqgor”][cmsmasters_text shortcode_id=”54orr966bt” animation_delay=”0″]

©️ “SALERNITANA” – FOTO MOSCA

Il sogno della Salernitana di sbancare l’Olimpico dura 80 minuti. Sconfitta amara, e in rimonta, per la squadra di Davide Nicola. Nonostante il risultato, quella che si è vista a Roma è comunque una squadra coraggiosa e caparbia. Le partite da recuperare contro Udinese e Venezia e i risultati nel pomeriggio delle dirette concorrenti lasciano comunque una labile speranza per la permanenza in massima serie.

I granata hanno tenuto testa ai giallorossi, battagliando fino alla fine. Ecco perché il risultato finale è duro da digerire e rappresenta per il club campano una beffa atroce. Poteva essere la partita della svolta, invece è tutto da rifare. La rincorsa salvezza riparte da Genova. La Salernitana ha dimostrato di essere ancora viva. Di meritare la Serie A.

Per la partita dell’Olimpico Davide Nicola si affida a Franck Ribery, che dopo quattro partite dall’ultima volta ritrova una maglia da titolare. Il campione francese, martoriato da alcuni acciacchi fisici negli ultimi tempi, fa coppia con Milan Djuric, a quota quattro reti in campionato. A centrocampo c’è il brasiliano Ederson, parso per nulla distratto dalle voci di mercato che lo vogliono vicino al Psg. Solo panchina per due grandi rinforzi del mercato invernale: Verdi e Dragusin. Squalificato e assente contro la Roma Federico Bonazzoli, bomber della squadra granata con 7 gol in 24 partite.

La Salernitana gioca a viso aperto contro la Roma di Josè Mourinho. L’Olimpico, gremito come non si vedeva da tempo, non fa tremare le gambe agli uomini di Davide Nicola. I granata, bramosi di approfittare dei passi falsi di Genoa e Venezia, affrontano i giallorossi con personalità e grande temperamento.

Approccio perfetto: il vantaggio alla fine del primo tempo è più che meritato. Il bolide dalla distanza di Radovanovic, che non segnava da quattro anni, trafigge Rui Patricio e fa esplodere il settore ospiti. Sospiro di sollievo sul finale della prima frazione di gara: l’ex giallorosso Gyomber stende Felix e fa tremare i campani, ma il Var giudica il contatto fuori area.

Zaniolo cerca di infrangere i sogni granata già a inizio ripresa, Sepe salva il risultato in un paio di occasioni. Poi, la Salernitana sfiora addirittura il raddoppio. Rui Patricio, con un intervento felino, nega la gioia del gol a Kastanos al 73′. La squadra di Davide Nicola si difende in maniera organizzata e granitica, impensierendo più volte la Roma in ripartenza.

Soltanto il sinistro magico di Carles Perez riesce a rompere l’incantesimo granata, ristabilendo la parità all’Olimpico. La Salernitana si disunisce e comincia a tremare. Inevitabilmente, tornano i fantasmi di sempre e Smalling, servito alla perfezione da Veretout, chiude la rimonta giallorossa all’85’. Al triplice fischio solo applausi dal settore ospiti. Salerno ha sognato per 80 minuti.

[/cmsmasters_text][/cmsmasters_column][/cmsmasters_row]