“Mai un peccato di arroganza o di presunzione” Pastorin ricorda Garella

La morte di un portiere è come la morte di un poeta: svanisce la fantasia, la follia, la purezza, la bellezza.

Articolo di Darwin Pastorin12/08/2022

© “GARELLA” – FOTO MOSCA

La morte di un portiere è come la morte di un poeta: svanisce la fantasia, la follia, la purezza, la bellezza.

Claudio Garella fu un anarchico del ruolo, uno che “parava senza mani”. Vinse uno scudetto con il Verona e uno con il Napoli, e siamo alla vigilia di Verona-Napoli, amava Torino e il Toro.

Lo ricordo a Chivasso, con il poeta Maurizio Cucchi, commuoversi per la poesia, in dialetto piemontese, dedicata da Giovanni Arpino al Grande Torino. Era un uomo buono, mite, generoso.

Ho avuto la fortuna di conoscerlo nei miei giorni da cronista: mai un peccato di arroganza o di presunzione. Mai. Fu campione con Maradona e con Galderisi, fu per tutti un buon compagno, fuori e dentro il prato verde, e in porta riusciva a compiere miracoli da racconto di Osvaldo Soriano.

Era un numero uno per davvero. Un eterno, solare e malinconico ragazzo.

Vi svelo il cuore segreto di Buffon

Gigi Buffon, come ormai sapete, ha detto, a 45 anni, addio a

Maradona

Diego caro, ti penso felice tra le nuvole

Nella notte delle celebrazioni, Darwin Pastorin pensa a Dieg

Il diario di Darwin: “tremendismo granata” e il ricordo di Meroni

Sport del Sud raccoglie i ricordi, gli appunti e le nostalgi

Maradona Zico

Il diario di Darwin: Zico, Maradona e gli anni d’oro del calcio italiano

Sport del Sud raccoglie i ricordi, gli appunti e le nostalgi