Il duo Sabatini & Sousa: la scintilla per la rivoluzione Granata

La storia è spesso scritta da chi osa fare scelte coraggiose. Per la Salernitana, abbracciare nuovamente il duo Sabatini-Sousa, potrebbe segnare una rinascita.

Sabatini Sousa
Articolo di Giovanni Santaniello19/12/2023

La storia della Salernitana in questo campionato di Serie A è una sequela di errori e di decisioni sbagliate, ma anche di potenziali percorsi verso una redenzione che potrebbe essere dietro l’angolo. Il tempo stringe, bisogna rimuovere ogni tentennamento e agire tempestivamente, prima che sia troppo tardi.

La decisione di Danilo Iervolino di licenziare Walter Sabatini, un’icona del calcio italiano, in favore di un direttore sportivo alle prime armi, appare ancor oggi come un errore cruciale. La gestione inesperta di De Sanctis ha sprecato risorse ingenti del patron, ignorando le necessità tattiche e strategiche messe in luce dall’allenatore Sousa. Proprio quando avrebbe dovuto ascoltare e agire, il DS De Sanctis ha invece preferito trascorrere un’estate caotica, in un tourbillon di trattative infruttuose, chiudendo così di fatto le porte a quei rinforzi vitali, assolutamente indispensabili alla squadra. Non entriamo nel dettaglio degli innumerevoli errori commessi, citiamo solo alcuni dei calciatori che oggi potevano essere di grande aiuto alla causa granata e che invece il nostro “talent scout” ha scartato a cuor leggero: Djuric, Ranieri, Zortea, Ruggieri, Soulè. Non menzioniamo i nomi dei loro sostituti per carità di patria.

Questo scenario sta riaprendo le porte ad un ritorno insperato, invocato a gran voce da tutti i tifosi della Salernitana, quello di Walter Sabatini. Più che un desiderio dei tifosi, è diventato una necessità impellente.

Sabatini, con la sua capacità unica di penetrare nel cuore degli spogliatoi e di riaccendere lo spirito combattivo dei giocatori, appare come l’unico in grado di salvare la squadra da un destino che sembra segnato. Il suo talento nel valorizzare i giocatori, trasformandoli in asset preziosi, è leggendario. Le sue interazioni con i giocatori, il suo tocco magico nel motivarli e ispirarli, sono elementi che mancano dolorosamente alla Salernitana di oggi. E inoltre ha un altro grande vantaggio: conosce e ama la piazza.

Altra scelta che va corretta al più presto è sulla panchina, laddove la sostituzione di Sousa non ha portato l’auspicata inversione di rotta, in quanto l’allenatore subentrato si è confermato, con la sua confusione tattica e una non impeccabile gestione dello spogliatoio, ancora inadatto per un campionato difficile come la Serie A. La squadra, che nel finale dell’anno scorso era apparsa coesa e combattiva, ora risulta completamente smarrita e disorientata.

Pertanto la figura di Paulo Sousa, con la sua profonda conoscenza della squadra e la sua capacità di guidare e ispirare, si presenta come l’elemento complementare perfetto a Sabatini. Sousa, ancora legato alla squadra da un contratto, conosce i punti di forza e le debolezze del gruppo e potrebbe fornire a Sabatini le informazioni necessarie per agire in modo mirato sul mercato.

In questo contesto, emerge l’idea delle “2S” – il duo Sabatini & Sousa – una coppia che potrebbe non solo salvare la stagione della Salernitana, ma anche rilanciarla verso orizzonti più luminosi. La loro collaborazione potrebbe rappresentare quella svolta radicale necessaria per invertire la rotta di una nave che sembra destinata all’affondamento.

Resta da vedere se Iervolino sarà disposto a compiere questo gesto di grande umiltà e sagacia, accogliendo di nuovo a bordo due figure che hanno già dimostrato di possedere non solo l’esperienza e la competenza, ma anche un legame profondo e sincero con la squadra e la città di Salerno. La storia ci insegna che i veri leader sono quelli capaci di ascoltare, di cambiare e di agire per il bene superiore. E nel caso della Salernitana, questo significa riabbracciare convinti il duo Sabatini & Sousa, autentici fari nella tempesta, come promessa di una rinascita possibile. Solo timonieri così esperti potranno guidare la nave in difficoltà in acque più sicure.

La storia è spesso scritta da chi osa fare scelte coraggiose. Per la Salernitana, abbracciare nuovamente il duo Sabatini & Sousa – potrebbe non solo segnare una rinascita ma anche riscrivere il loro destino in Serie A.

Tongya

Franco Tongya: un talento emergente che approda alla Salernitana

Con l'ingaggio di Tongya, Petrachi ha dovuto affinare le sue doti di talent scout, trasformando...

Petrachi chef

Friggere con l’acqua: Petrachi alla Salernitana e il paradosso del mercato in attivo

La missione affidata a Petrachi è sempre quella di un mercato in attivo. Si è...

Salernitana, Petrachi

Petrachi in trincea e le sfide di un calciomercato impossibile

Giocatori molto interessanti che Petrachi aveva bloccato hanno preferito non attendere, spaventati dall'incertezza che regna...

Lotito

Arridateci Lotito!

Lotito affrontava gli ultras a viso aperto, spiegava le sue ragioni, non si sottraeva al...