Dignità, prestigio?

Nonostante la penalizzazione e ancora altri illeciti contestati, la stampa del Nord continua imperterrita a difendere la Juventus.

Articolo di Luciano Scateni23/05/2023

©️ “JUVENTUS” – FOTO MOSCA

Non è il caso di infierire sulla protervia di una società qual è la Juventus, vera e propria azienda quotata in borsa, obbligata a rispettare la legge e specialmente quella di settore, ma una domanda è lecita: per la seconda volta (la prima volta finì in serie B) la Juve commette reati accertati, che comportano la retrocessione della squadra nella serie inferiore. Per ora non è successo, anzi la prima sentenza, che ha privato il club di 15 punti, è stata edulcorata, ridotta a dieci.

Il sospetto è che si voglia consentire ai bianconeri di vincere le prossime partite e agguantare comunque un posto per la prossima edizione della Champions League. Qualcuno, ma è purtroppo sentimento diffuso, chiede l’assoluzione di Agnelli e compagni di disavventura: “Non si può ignorare che la Juventus è “brand” di alto livello”. Proprio perché è colpevole un “brand” del calcio, non si può essere d’accordo con i difensori d’ufficio della “vecchia signora” e il giudizio sulle sue accertate manipolazioni di bilancio è giustamente drastico, “tranchant”.

Il racconto della gloriosa Gazzetta dello Sport, che non nasconde l’empatia leghista per le squadre del Nord, riporta le reazioni dei tifosi, gli stessi noti per ingiurie razziste e xenofobe e titola “La furia sui social dei tifosi”. “Difendiamo il nome, il prestigio (?) i colori, la dignità (dignità?) di questa maglia. Sempre con voi fino alla fine (anche in B? ndr). Rompete questo sistema, fate ricorso, bloccate tutto, chiedete i danni. Basta chiacchiere andiamo al Tar, bloccate i campionati fino a ottobre”.

La rabbia esagitata arriva a ipotizzare una sentenza “a orologeria”, arrivata alla vigilia di Empoli-Juventus. È miopia da ultra: fosse vero, Allegri e la sua ricca compagine avrebbero dovuto reagire con gara perfetta e vincente. Domanda agli arrabbiati tifosi juventini: è dignitoso rispondere con la resa senza condizioni a una squadra di modesto livello?

Napoli

Un altro Napoli: 8 in pagella, 1-1 e meritava di più

Il Napoli riparte da Calzona: termina 1-1 il match di Champions League contro il Barcellona.

Calzona Napoli

Il Napoli è quasi ko, ma dall’angolo non parte la spugna della resa 

Liquidato Spalletti, esonerati Garcia e Mazzarri, De Laurentiis si affida ora a Francesco Calzona: a...

Traore Napoli

Un pari stentato, Napoli in grigio: 1 a 1 con il Genoa

Il Napoli non va oltre il pari contro il Genoa, ci pensa Ngonge a salvare...

Meno 7 dalla Champions: 0-1 contro il Milan

Perde ancora il Napoli in trasferta. La sconfitta contro il Milan fa sprofondare i campioni...