Fragile Italia, 1 a 2 all’esordio con l’Inghilterra

Cade l'Italia al Maradona contro l'Inghilterra grazie alle reti di Harry Kane e Declan Rice che sanciscono la sconfitta degli azzurri.

Articolo di Luciano Scateni24/03/2023

©️ “ITALIA” – FOTO MOSCA

Solo il cielo grigio fumo londinese di prima mattina interrompe il ‘mare napoletano in azzurro’, poi è sereno totale: azzurra la storica maglietta del Napoli, azzurri le facciate di palazzi, i gadget per l’imminente terzo scudetto, strade e piazze. L’azzurro ‘Italia’ nel Maradona stadio si coniuga con l’azzurro di bandiere, striscioni, sciarpe e accoglie gli undici chiamati al disagevole impegno di sfidare la possente Inghilterra in uno step della nazionale che Mancini teme per carenza di grandi talenti nazionali.

Napoli si prepara all’assalto sportivo di 2.400 tifosi della ‘perfida fa Albione, non senza qualche preoccupazione per possibili intemperanze degli holligans, bevitori seriali di birra. Per raggiungere Fuorigrotta viaggeranno su 24 bus (senza biglietto, chi paga?) nella città della viabilità complicata dai lavori in corso. L’Italia di Mancini ha promesso in futuro di scegliere Scampia come campo di preparazione di incontri internazionali, ma già ora ha mostrato sensibilità per temi sociali. La nazionale ha regalato sorrisi, affetto e solidarietà ai bambini ricoverati al Santobono.

Qualificazione per gli europei di Germania 2024, è incipit non agevole la sfida ai ‘Tre Leoni’. Indisponibili Immobile e Raspadori, Mancini si affida all’argentino con bisnonno siciliano Mateo Retegui, ultimo ‘oriundo’ ingaggiato dalla nazionale dopo Jorginho, Emerson, Luiz Felipe, Toloi: Retegui è un gigante di circa un metro e novanta con certificate qualità di uomo gol.

Pizza tricolore, pizzaioli in maglia nazionale, migliaia di napoletani con la maglia della nazionale, vicoli e strade, piazze, inondate di azzurro. Nessun incidente, 40 mila spettatori. L’inno di Mameli ha la voce di Gigi D’Alessio e di Clementino.

Festa grande, fischia il serbo Jovanovic…Primo angolo per gli azzurri, deviazione di Di Lorenzo che calcia male, alla sul fondo. Minuto 3 e secondo corner, Italia in pressione, colpisce di testa Retegui, non trova la porta.

Primo attacco inglese con Saka, para facilmente Donnarumma. Bellingham pericoloso. Primo angolo per i britannici. Batte Saka, nulla di fatto. Poi gran botta di Bellingham dalla distanza e Donnarumma si salva in angolo con una grande parata. Sul calcio dalla bandierina batti e ribatti, destro di Kane, il pallone spunta dalle parti di Rice e al 13esimo è 1 a 0 per i nostri avversari. Attacca l’Inghilterra.

Qualche imprecisione di troppo degli azzurri favorisce le veloci ripartenze degli inglesi. Zero opportunità per l’Italia. In riscaldamento tre azzurri, anche Politano. È più squadra l’Inghilterra e padrona del gioco.

Ammonito Maguire per perdita di tempo. Al 32esimo errore di Jorginho, Phillips sfiora il due a zero. Ci prova Retegui, poi replica Spinazzola, nessun esito.

Altro corner per i britannici. Sul cross tocca Di Lorenzo con il braccio distante dal corpo. Verifica il Var, rigore, Minuto 44, batte Kane, due a zero, gol pesantissimo, Kane miglior marcatore di sempre in nazionale. A due metri dalla porta vuota Grealish divora il 3 a 0 su cross smarcante di Kane.

Paura! Spogliatoi. Retegui? Evanescente e mai servito a dovere. Second time il via con un angolo a nostro favore e corner bis. Niente di fatto. Pellegrini da buona posizione manda in curva. 52esimo. di Rice già ammonito, fallo su Barella. Non riesce a costruire l’Italia, centrocampo dominio degli inglesi.

Primo tentativo di Retegui, che lanciato a dovere da Pellegrini trafigge Pickfod. Gran gol. Giallo per Maguire, vittima di nuovo Barella. 2 a 1.

Inglesi meno autorevoli. Giallo per Jorginho, fallo tecnico. Politano per Berardi, Cristante per Barella minuto 63. Assalto italiano, inglesi costretti nella propria metà campo.

Politano guadagna un corner, esecuzione senza esito. Foden per Grealish, Tonali e Gnonto per Pellegrini e Jorginho. Venti minuti al 90esimo. Giallo per Walker. Italia più tonica e propositiva in questa abbondante frazione della ripresa secondo.

Gnonto vivacizza il gioco degli azzurri, il suo ingresso perché non prima? Secondo giallo per Show ed espulsione. Trippier per Foden. Corre il cronometro, assedio degli azzurri.

Gallagher per Saka, James per Bellingham. Scamacca per Verratti, angolo per l’Italia e corner bis. % minuti di over time. Ultime speranze di un pareggio, sicuramente meritato nel secondo tempo. Giallo per Acerbi, fallo su Kane. The end, esordio complicatissimo per Mancini.

Napoli

Un altro Napoli: 8 in pagella, 1-1 e meritava di più

Il Napoli riparte da Calzona: termina 1-1 il match di Champions League contro il Barcellona.

Calzona Napoli

Il Napoli è quasi ko, ma dall’angolo non parte la spugna della resa 

Liquidato Spalletti, esonerati Garcia e Mazzarri, De Laurentiis si affida ora a Francesco Calzona: a...

Traore Napoli

Un pari stentato, Napoli in grigio: 1 a 1 con il Genoa

Il Napoli non va oltre il pari contro il Genoa, ci pensa Ngonge a salvare...

Meno 7 dalla Champions: 0-1 contro il Milan

Perde ancora il Napoli in trasferta. La sconfitta contro il Milan fa sprofondare i campioni...