Il social power dei giocatori del Napoli: indovinate chi è primo e chi è ultimo

Il social power dei giocatori del Napoli: indovinate chi è primo e chi è ultimo

© “NAPOLI” – FOTO MOSCA

Io non me lo ricordo ma mio padre mi racconta che tanti anni fa, prima dell’avvento dei social media, per conoscere qualcosa di “privato” dei calciatori del Napoli, occorreva aspettare il martedì l’uscita di SportSud, il nostro antenato genitore.

Fortunatamente sono arrivati i social media che si sono affermati come uno strumento importante per l’autopromozione e offrono ai calciatori un’ampia piattaforma per comunicare con i propri fan in tutto il mondo. Non sorprende che Instagram ed il mondo dello sport, in generale, siano diventati un binomio inscindibile.

Non esiste atleta che non abbia un profilo social. E, tra questi, Instagram è quello utilizzato universalmente.

Questo accoppiamento ha consentito ai supporter di vedere storie (e soprattutto foto) della vita quotidiana, sportiva e non, di numerosi giocatori. Insomma, costituiscono una fonte primaria di notizie e curiosità grazie alla loro capacità di fornire aggiornamenti in tempo reale, a livello globale. Noi di SportSud abbiamo stilato una classifica che rivela chi, tra i calciatori del Napoli, possiede maggior “social power” ovvero chi è il più seguito su Instagram e chi, invece, è il meno seguito.

Al primo posto…

Non ci sono premi per indovinare chi è il giocatore in testa alla classifica. Stiamo parlando di Hirving Lozano, al primo posto con 1.752.481 followers. Alzi la mano chi non ha mai letto un commento di un tifoso messicano pronto a schierarsi in difesa del beniamino nazionale. Sì, sto parlando proprio di quei tifosi d’oltreoceano che hanno letteralmente invaso i profili social del club azzurro. Tutte mani abbassate, immagino. Il “Chucky” quando militava nel PSV era l’idolo della folla, il più amato dai compagni; perché le partite le vinceva da solo, spesso, a beneficio di tutti. Era l’unico titolare per il suo allenatore, per i motivi di sopra. Nella squadra olandese è stato ciò che oggi è Mertens per Napoli e il Napoli, per capirci. In Nazionale? Idem, forse di più. Uomo immagine di un intero Paese, il più amato, il più forte della selezione maggiore: in Messico Hirving Lozano è il “più tutto di tutti”. Ed ecco spiegato perché l’attuale numero 11 azzurro gode di una fetta molto ampia di pubblico sui social.

Victor Osimhen è il calciatore del Napoli ad avere il secondo maggior numero di seguaci. Il nigeriano è molto attivo sui social: sia su Instagram che su Twitter ed utilizza queste piattaforme in maniera molto particolare e singolare. Tantissimi i meme (contenuto digitale, spesso umoristico) nel suo slang (un misto di inglese “alla nigeriana”) e gli sfottò presenti sui suoi profili, al punto tale che qualcuno gli ha mosso una serie di critiche. L’attaccante, tuttavia, vanta di ben 757.090 followers con una media di 400 nuovi seguaci al giorno.

Il centrocampista Piotr Zielinski è il numero tre della lista. Il gioiellino del Napoli, stimato tra i tanti anche da Jurgen Klopp, ha illuminato la scena del Maradona contro i Reds in una serata che resterà a lungo nella storia della Champions azzurra. Dunque, tra i suoi 655.309 virtual supporter, non ci sono soltanto tifosi partenopei, ma persone da ogni parte del mondo. Anche in patria il giocatore è molto amato e lo dimostra il fatto che il numero 20 è uno dei pochissimi polacchi ad aver effettuato tutta la trafila delle nazionali giovanili. A partire da quella Under15, Zielinski ha sempre indossato i colori biancorossi della Polonia, passando per U-16, U-17, U-18, U-19, U-20, U-21 (non se n’è saltata neanche mezza), fino ad arrivare alla Nazionale maggiore.

Tanguy Ndombele è il quarto giocatore più seguito con 626.304 e Kim Min-jae è quinto con 565.735 seguaci. I due calciatori azzurri, approdati quest’anno all’ombra del Vesuvio, hanno attirato immediatamente l’attenzione. In un periodo relativamente breve, il centrocampista è passato dall’essere uno dei più promettenti del panorama europeo a essere messo fuori rosa da Antonio Conte al Tottenham, costretto a cercarsi una nuova sistemazione. Continuità e fiducia, questa la ricetta di per spegnere gli scetticismi nati attorno al francese: tra Champions e campionato, le occasioni per rifarsi non sono mancate. Ma la sorpresa di questa stagione fino ad ora è un’altra, sto parlando di Kim. Quando lo scorso 27 luglio il coreano sbarcava in Italia, precisamente a Roma, per sottoporsi alle visite mediche presso la clinica privata di Villa Stuart, tra gli appassionati di Serie A vigeva un’aria di scetticismo generale. Ciò nonostante, il numero 3 si è dimostrato in pochissimo tempo un degno sostituto di Koulibaly e viene nominato anche miglior giocatore del mese di settembre. Tantissimi i curiosi che sono andati a spiare il difensore sul suo profilo Instagram: in 31 giorni, il coreano ha guadagnato 25.618 nuovi followers.

E a proposito di nuovi arrivati, qualcuno si starà chiedendo: “e Kvara?”.  Khvicha si posiziona – subito dopo Simeone, Elmas e Politano– al nono posto a quota 518.150 seguaci. Il nuovo innesto del Napoli ha avuto un impatto pazzesco con la Serie A, condito da ben 5 gol nelle prime 8 di campionato. Ma c’è un altro dato che rende chiari i suoi numeri: dalla sua firma con la Dinamo Batumi prima ancora di trasferirsi all’ombra del Vesuvio, il georgiano non ha perso nessuna delle partite che ha giocato. Per trovare l’ultima partita che ha perso, dobbiamo andare indietro addirittura al 20 marzo, giorno della sua ultima partita con la maglia del Rubin Kazan. Lì la sua squadra perse malamente contro il Cska Mosca, con un netto 6-1. Dopo quella gara il cambiamento: decide di lasciare la Russia per tornare in patria a causa del clima ostile post scoppio della guerra in Ucraina e da lì la sua carriera ha preso il volo. Sono 28 partite giocate successivamente fra Dinamo Batumi, nazionale georgiana e Napoli, tutte senza sconfitte. Insomma, Kvaratskhelia sta diventando un vero e proprio idolo: dimostrazione il primo murales a lui dedicato ai quartieri spagnoli di Napoli e il clamoroso impatto social: 215.996 nuovi seguaci in appena un mese.

Chi sono gli azzurri meno seguiti?

C’è una sorta di sorpresa per quanto concerne la parte bassa della classifica.

Al terzultimo posto abbiamo, con 42,3K fan, Alessio Zerbin. Nella scorsa stagione, il classe 1999 si è messo in mostra in Serie B con la maglia del Frosinone: nove goal nel 2021/2022 che hanno conquistato Mancini e i suoi osservatori, ma anche il Napoli e Spalletti, che hanno deciso di riportarlo a casa. In questo inizio di campionato, il numero 23 ha trovato minutaggio in campo ed ha esordito anche in Champions, ma non sembra aver convinto ancora i tifosi. Ed è così che si piazza dopo il suo coetaneo Zanoli, sopra di lui a quota 58.050.

Davide Marfella, invece, occupa il penultimo tassello della classifica con 27,1 mila followers. Complice, sicuramente, il fatto che finora tra i professionisti ha collezionato una sola presenza da titolare in Lega Pro. Arrivato in Puglia con la formula del prestito dalla società azzurra, l’estremo difensore classe ’99 si appropriò ben presto del ruolo di titolare. Fu una cavalcata straordinaria quella del Bari allenato da Giovanni Cornacchini, un campionato importante, che però non gli varrà la conferma come titolare nella stagione successiva. Durante lo scorso anno, tornato a Napoli, il tecnico di Certaldo gli concesse gli ultimi 20 minuti contro lo Spezia, gli unici giocati in una partita ufficiale con la maglia azzurra.

Inaspettatamente, all’ultimo posto in classifica c’è Salvatore Sirigu. Il portiere, nonostante vanti di un curriculum di un certo spessore (Paris Saint-Germain, Siviglia, Torino e Nazionale, giusto per citarne qualcuna), ha “soltanto” 18,9 mila followers. Alcuni studi europei evidenziano come gli adulti abbiano iniziato a sfruttare le infinite potenzialità della rete in maniera sempre più regolare, in particolare nell’utilizzo dei social. Sirigu non è tra questi. Il giocatore classe 1987, infatti, è inattivo sui social da dieci anni. Ecco svelato l’arcano.

P.S. Cliccando sul nome di ciascun calciatore, sarai indirizzato direttamente al suo profilo.

Ma andiamo a vedere la classifica completa.

Leave a Reply

Your email address will not be published.