Schreuder: “Devo fare i complimenti al Napoli, ma noi senza fiducia”

Schreuder: “Devo fare i complimenti al Napoli, ma noi senza fiducia”

© “SCHREUDER” – FOTO MOSCA

Dusan Tadić e Alfred Schreuder, commentano in conferenza stampa la pesante sconfitta incassata contro il Napoli in occasione dell’ultima partita del girone d’andata di questa Champions League.

Tadić

Cos’è successo oggi? Abbiamo fatto una brutta partita, avevamo iniziato bene con l’1-0 poi con tre errori siamo andati sull’1-3 ed è stata tutt’altra partita. Abbiamo cambiato tanti giocatori durante l’estate, ma non dev’essere una scusa: sicuramente è complicato, dobbiamo giocare di più per migliroare gli automatismi.

 “Siamo assieme da tre mesi? Il processo lo stiamo mettendo in piedi, lo faremo col tempo: partite così però non si possono perdere 1-6, non è possibile. Dobbiamo rivedere cosa è successo, e prenderlo come una lezione per rimetterci in piedi.

“Il ritorno che salterò? “Il primo giallo non c’è, non l’ho toccato. Sul secondo ho fatto fallo, ma eravamo sull’1-5.

Che atmosfera c’è nello spogliatoio? “Complicato da dire, erano tutti un po’ persi ed incavolati: è normale, non può succedere per l’Ajax. Domani dobbiamo rivedere cosa è successo e concentrarci sulla prossima partita”. 

C’è mai stata una prestazione così negativa? “Dal punto di vista del risultato sì, se finiamo 1-1 al 45′ esce fuori una partita diversa ma abbiamo pagato tanti errori ed il Napoli ha segnato i gol che non abbiamo fatto noi. Quando siamo andati in vantaggio abbiamo pensato di poter vincere, ma sull’1-3 era molto difficile: ci abbiamo provato nella ripresa, ma dopo cinque minuti hanno segnato il quarto gol ed è finita la partita”. 

Qualificazione? “Vogliamo arrivare agli ottavi, è possibile ma sarà molto difficile: è un girone tosto, il Napoli ed il Liverpool sono forti ed il Rangers è tosto. Dobbiamo vedere la prossima partita. Se abbiamo fortuna, possiamo passare.

Sul Napoli: E’ una squadra molto forte, è venuto qui per vincere: costruisce molte azioni e pressano tanto, è stato più forte e più bravo.

C’è fiducia nel gruppo? In questo momento non è il massimo, dobbiamo vederci allo specchio e domattina svegliarci e capire cosa fare. La stagione è lunga, ci dobbiamo rialzare“. 

Sui tifosi, andati via prima della fine del match. “Se prendi sei gol è normale che non siano contenti, dobbiamo vincere tutte le partite e provarci sempre. Quando perdiamo con un risultato così grande, è normale che i tifosi dell’Ajax siano arrabbiati. Vuoi sempre averli”.

Parla, ora, Alfred Schreuder.

Il Napoli è più avanti di noi, è stato doloroso per noi dopo il quarto gol. Abbiamo avuto molte difficoltà e loro stavano ben messi in campo. Se vuoi avere opportunità contro di loro, devi avere il pallone e noi non l’abbiamo avuto. C’è stata una chance per il 2-1, ma poi il Napoli è andato avanti ed è cambiato tutto il match. Siamo stati troppo bassi nella ripresa, prima del 3-1 era complicato giocare.

Volevamo cambiare due-tre cose nella ripresa, è mancata la fiducia e non abbiamo più costruito. Devo fare i complimenti al Napoli. Non avevamo messo in preventivo questa sconfitta, loro erano in grandissima forma: dovevamo far vedere altre cose, invece abbiamo fatto troppi errori”.

Poca crescita in tre mesi? Anche il Liverpool non ha giocato bene ultimamente, abbiamo fatto qualche step in più ma ci serve tempo“. 

I fischi dei tifosi? “Questo è il calcio e noi siamo l’Ajax: se giochiamo male, i tifosi si incavolano. Voglio rimanere qui, calmo, e fare le cose correttamente per rialzarci subito”. 

Cosa fare per rialzare la fiducia dei giocatori? “Possiamo ritrovarla nelle prossime settimane, oggi è difficile“. 

Sui sei gol subiti: Abbiamo sbagliato tante scelte sui loro gol. Ai tifosi posso dire che non è possibile per l’Ajax ottenere questi risultati, dobbiamo rialzarci subito. Non siamo stati bravi a giocare la palla? Abbiamo fatto tanti cambi da inizio stagione, rapidamente, e abbiamo qualche problema nel mettere pressione agli avversari. Dobbiamo giocare in avanti e trovare i giusti spazi, ma è difficile al momento. Tadic era molto nervoso, voleva fare meglio e si è incavolato per certe azioni non sfruttate“. 

Cosa fare ora con il gruppo squadra? Dobbiamo fare uno step alla volta, per migliorare nelle prossime settimane. Migliorare palla al piede, e difendere molto meglio. Dopo il quarto gol non potevamo lasciar giocare l’avversario facilmente, dovevamo far vedere il carattere. Ai giocatori non ho detto nulla, ci sono troppe emozioni e dobbiamo farli sbollire. I giocatori correvano a caso dopo il quarto gol? Non potevamo mollare così, e correre male: si è visto facilmente, c’erano momenti in cui potevamo giocare e dovevamo mantenere meglio il pallino del gioco. Ma contro una squadra così forte era difficile. Devo guardarmi allo specchio e vedere cosa ho fatto, per capire la distanza col Napoli”​​​​​​​. 

Leave a Reply

Your email address will not be published.