fbpx

La rinascita del Punto di Svolta a Barra

La rinascita del Punto di Svolta a Barra

Dopo la cessione dello Sporting e il passo indietro della Barrese, nel quartiere di Barra è tornato l’eco di un nome da anni lontano dai campi che vede ad oggi la sua rinascita. Si tratta del Punto di Svolta, squadra che in passato ha militato in Eccellenza e che dopo anni di stop è ripartita dalla Prima Categoria.

Ai nostri microfoni, è intervenuto il presidente Antonio Scala, parlandoci del progetto. “Abbiamo iniziato quest’anno, riprendendo questo nome. Nel ’94 aprimmo un’associazione culturale, facevamo volontariato e creammo questa squadra che è arrivata fino ai vertici dell’Eccellenza e per anni è stata il folklore qui a Barra. Era seguita da 2mila/3mila spettatori, era un fiore all’occhiello per il quartiere”, dichiara Antonio. Il Punto di Svolta, così denominato da un libro del fisico Fritjof Capra, dopo circa 10 anni vede terminare la sua storia, prima della rinascita attuale. “Ho fatto questo progetto subito ambizioso, l’ho fatto al massimo per cercare di vincere il campionato per poi crescere gradualmente”, afferma il presidente.

L’intento è quello di ampliare la struttura societaria, ponendo le basi per un progetto duraturo. La squadra, inoltre, vedrà la nascita di una Juniores il prossimo anno, con l’intento di affiancargli successivamente anche un settore giovanile. Per quanto riguarda invece lo Stadio, il Punto di Svolta gioca le sue partite casalinghe al Caduti di Brema, impiegato come campo di allenamento per le Universiadi e stadio di casa per il Napoli Femminile durante la stagione 20/21. La struttura è attualmente condivisa con altre realtà (Sangiovannese e alcune scuole calcio) ma la presidenza ha esplicitato l’interesse nel ricercare un luogo esclusivo per la squadra.

Per quanto riguarda invece la tifoseria, come sopracitato, in passato la squadra ha avuto un supporto numeroso. A tal proposito: “La tifoseria sta tornando di nuovo perché è nata questa novità e già a sentire il nome il Punto di Svolta… abbiamo fatto un po’ la storia del quartiere, stanno ritornando tutti allo stadio, si sta creando una bella atmosfera”, dichiara il presidente, che si è poi soffermato sui suoi ragazzi. “La squadra è diventata un bel gruppo. Il mister ha creato quel tipo di gruppo in cui ragazzi escono insieme, vanno a mangiare insieme, hanno creato un’unica famiglia. Siamo stati insieme prima di andare a giocare a Melito, abbiamo fatto un pre-ritiro, siamo andati a pranzo. È importante avere anche un gruppo”, conclude.

Le parole dell’allenatore

E proprio a tal proposito si è espresso ai nostri microfoni Vincenzo De Falco, allenatore della squadra. “Mi è rimasto in mente l’entusiasmo con cui sono stato accolto nello spogliatoio. Ho avuto un’accoglienza famigliare, splendida, con questi ragazzi ai quali non puoi che augurare bene. Ho conosciuto persone grandiose, sono come una famiglia”, afferma. I calciatori del Punto di Svolta d’altronde hanno alla loro guida un allenatore di grande esperienza: sono 5 infatti i campionati vinti da mister De Falco tra Eccellenza, Promozione e Prima Categoria.

“La squadra è nata per fare un buon campionato. Da quando sono arrivato stiamo costruendo un progetto vincente. Il nostro obiettivo è quello di vincerlo”, dichiara l’allenatore della formazione che lotta ai vertici della classifica. “Stiamo lavorando duramente tutti i giorni. Abbiamo lo staff che condivide le nostre idee, stiamo sul pezzo e stiamo cercando di portare esperienza a questa società”, prosegue. E sui tifosi: “Sono abbastanza ma ne aspettiamo molti, molti di più. Aspettiamo di coinvolgere l’intero quartiere di Barra”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.