fbpx

Fabiàn: “Sia io che il Napoli avevamo interesse a trovare squadra”

fabian ruiz

©️ “FABIAN” – FOTO MOSCA

L’attuale centrocampista del PSG, Fabiàn Ruiz, è stato intervistato da El Pais. L’ex Napoli spiega lo sviluppo della cessione: “Avevo ancora un anno di contratto, e sia io che il Napoli avevamo interesse a trovare un’altra sistemazione. Penso sia stata un’ottima scelta”.

Poi continua: “È successo mentre ero concentrato sulla preparazione col Napoli. I miei agenti mi hanno chiamato per informarmi che erano interessati, e poi ho parlato con Luis Campos, che mi ha spiegato il progetto, quanto voleva che fossi qui.

Dopo ho parlato anche con l’allenatore (Galtier), che mi ha spiegato il suo modo di giocare, le idee che aveva. Quelle conversazioni sono state molto belle, mi hanno dato molta fiducia, quella voglia di essere qui con loro, di lavorare insieme, ed è stata una delle cose che mi ha fatto confermare quella decisione. 

A loro piace quello che ho fatto in questi anni. Al Napoli, per lavoro o fortuna, le cose andavano bene, come squadra e personalmente. Mi chiedono le cose che stavo facendo. L’ordine. Sii organizzato sul campo. Alla fine sono un giocatore a cui piace correre, stare in alto, in basso, e me lo hanno chiesto, che potessi raggiungere l’area, e poi rientrare, aiutare la squadra in fase difensiva.

Perché alla fine siamo una squadra molto aggressiva, abbiamo tante persone davanti, e in mezzo dobbiamo avere quella solidità per poter difendere bene, compatti. Mi chiedono un po’ di entrambe le cose: aiutare la squadra in fase difensiva, ma allo stesso tempo raggiungere l’area avversaria”.

Nello spogliatoio con Messi, Neymar e Mbappé…

“All’inizio è un po’ impressionante, sapere che giocherai con loro, che vivrai con loro ogni giorno. È un privilegio. Ma allo stesso tempo è normale. Sono ragazzi normali. Ricordo quando ho lasciato il Betis per il Napoli. I primi mesi sono stati molto difficili. Ho anche avuto un periodo un po’ difficile. A causa della lingua, a causa del cambio del Paese.

Dopo tanti anni circondati da famiglia e amici, vedendoti da un giorno all’altro da solo in una nuova città senza conoscere nessuno, all’inizio è stata dura. Ero anche più giovane. Potrebbe essere stato il cambiamento più difficile. Ma impari da tutto, e non avrei mai immaginato che dopo quattro anni sarei stato bravo come sono stato. Ora sono più grande, ho già avuto quell’esperienza e sono un po’ più pronto”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.