fbpx

Che regalo dalla giustizia! La Juve può solo ringraziare

Juve agnelli

©️ “JUVENTUS” – FOTO MOSCA

Nonostante le polemiche dovute alla decisione della giustizia sportiva, cioè di sanzionare la società bianconera al seguito del caos plusvalenze, le riflessioni son ben altre. Sì, perché ci troviamo difronte ad una decisione ineccepibile, basata su intercettazioni telefoniche e mail, nelle quali era più che chiara la promiscuità dei fatti. Nella fattispecie, l’analisi adottata su Rovella ha fatto non poco discutere. Decidere di prelevare un giocatore per ben 18 milioni di euro quando di lì a tre giorni si sarebbe liberato gratis, ha destato più di un sospetto, ma quello che ha intaccato il senso del pudore è stato sicuramente lasciarlo in prestito fino a giugno. Se decido di prendere un giocatore sborsando una cifra importante e non aspetto di prenderlo gratis a fine stagione è perché probabilmente risulta fondamentale nell’immediato, quindi non dovrebbe, di logica, restare nella squadra di appartenenza. 

Ma tutto ciò resta solo una supposizione, che si aggiunge al cambio e ricambio di Sturaro, ad un Muratore pagato 8milioni dall’Atalanta per non vedere mai il campo, neanche in Serie B. Pjanic-Arthur, che hanno portato rispettivamente 72 milioni nelle casse delle due società. Per non parlare di Audero e Cerri, riscattati 6 mesi prima del termine. È inevitabile che i sospetti inducano a indagare. 

Al termine delle indagini, dopo 4 anni d’investigazione, tra intercettazioni telefoniche, mail e documenti scritti (vedi carta Ronaldo) la Juventus è stata penalizzata dalla giustizia sportiva con 15 punti in meno in campionato. Un regalo enorme! La sentenza è arrivata dopo aver già subìto una sconfitta madornale contro il Napoli, un 5-1 pesantissimo, che di fatto aveva già posto al minimo le speranze scudetto dei bianconeri. Arrivati a questo punto quale situazione migliore se non condannare una società che ormai non aveva nulla da perdere? Infliggere una pena nel prossimo campionato sarebbe stata la strada più giusta. Tenerli fuori quest’anno, vista la supremazia azzurra, e anche il prossimo dopo la sentenza.

Se si vuole fare dietrologia, ad oggi, sono stati graziati.

Leave a Reply

Your email address will not be published.