Bagni: “Vi svelo perché il Napoli è meglio del Milan”

bagni

©️ “BAGNI” – FOTO MOSCA

Salvatore Bagni, uno dei protagonisti del primo scudetto a Napoli con Maradona, ha parlato delle prossime sfide e delle rivali in campionato della squadra di Luciano Spalletti sulle colonne de Il Mattino.

Le dichiarazioni

“Questo Napoli di segnali ne ha già dati tanti vincendo in trasferta con LazioRomaMilan e Atalanta. E poi noi (dello scudetto dell’87, ndr) avemmo bisogno di aggiustamenti in corsa e determinante fu l’inserimento di Romano. Il Napoli di Spalletti invece è partito fortissimo e si è mantenuto stabilmente su grandissimi livelli con un susseguirsi di prestazioni straordinarie.

Riguardo le prossime due sfide

“Io ci sarò tutte e due volte al Maradona: con l’Empoli in tribuna e con l’Udinese in curva B. La squadra di Zanetti gioca bene al calcio e quella di Sottil ha dimostrato di avere valori importanti anche se è in calo da un paio di partite. Ma il Napoli continuando a giocare da Napoli potrà vincerle entrambe.

Sulle rivali

Il Milan che è la rivale più pericolosa, perché è quella più vicina tenendo presenti i distacchi enormi di Juve e Inter, dopo la trasferta con la Cremonese giocherà con la Fiorentina, una squadra imprevedibile che in giornata può battere chiunque. Premesso che conservare sei punti di vantaggio sarebbe già tanto, un ulteriore allungo è possibile. E comunque se non avvenisse ora accadrebbe dopo perché per me il vantaggio del Napoli rispetto alle inseguitrici è destinato ad aumentare. La tranquillità del Napoli si nota sempre anche quando va in svantaggio e riesce a recuperare: è successo a Bergamo, era già accaduto contro la Lazio. Come pure la capacità di reagire subito dopo un gol incassato, penso alla partita con il Bologna, oppure proprio all’ultima con l’Atalanta. Nel Milan invece ho visto più frenesia, più nervosismo, più confusione quando è andato sotto nel punteggio come con il Torino quando non è riuscito a rimontare e direi anche con lo Spezia pure se alla fine ha conquistato la vittoria. Il Napoli, invece, sta dimostrando di non avere punti deboli: gioca in verticale, palleggia, segna tanti gol e difende beneÈ una squadra a trazione anteriore ma che mantiene sempre l’equilibrio grazie al lavoro difensivo di tutti, a cominciare da quello di Osimhen e degli esterni di attacco

Leave a Reply

Your email address will not be published.