Juve Stabia-Picerno 2-3: Eusepi non basta, seconda sconfitta consecutiva per i gialloblù

Juve Stabia-Picerno 2-3: Eusepi non basta, seconda sconfitta consecutiva per i gialloblù

©️ “JUVE STABIA” – FOTO MOSCA

Nel nono turno del campionato di Serie C girone C, la Juve Stabia affronta il Picerno allo stadio Romeo Menti. Mister Walter Novellino cambia schema tattico e si affida ad un equilibrato 3-5-2. La coppia d’attacco è Panico-Eusepi, con l’esperto Evacuo inizialmente in panchina. Sulle fasce dentro Donati e Rizzo, a centrocampo gioca dal primo minuto Guido Davì. Inizialmente fuori gli eclettici Schiavi e Bentivegna. Il Picerno di mister Antonio Palo fa affidamento su un offensivo 4-2-4 e sugli esperti Reginaldo e Gerardi per pungere le Vespe. In campo anche il capitano Pitarresi e il giovane Allegretto. Soltanto in panchina il centrocampista Dettori. Arbitra il match il signor Fabrizio Cavaliere della sezione di Paola. La Juve Stabia tenta l’aggancio alle zone nobili della classifica. Il Picerno, dopo una partenza a rilento, è alla ricerca di punti pesanti in trasferta.

PRIMO TEMPO

Le squadre si studiano nei primi dieci minuti di gioco. Buon possesso palla della Juve Stabia, il Picerno prova a pungere in ripartenza, approfittando della velocità di Reginaldo. Al 15’ gli ospiti passano in vantaggio con De Marco: l’esterno offensivo, imbeccato in area da Vivacqua, mostra grande freddezza e a tu per tu con Lazzari piazza la sfera all’angolino. Dopo tre minuti arriva la risposta delle Vespe con Panico, il tiro a giro dell’attaccante si spegne però sul fondo. Al 28’ si fanno vedere ancora i padroni di casa: sull’assist al bacio di Altobelli svetta Donati sul secondo palo, il colpo di testa del terzino gialloblù termina di poco a lato. Il Picerno al 32’ raddoppia con Vivacqua, fatale la palla persa a centrocampo da Berardocco che ha favorito la fulminea ripartenza avversaria. Le Vespe non demordono e dopo due minuti di gioco accorciano le distanze con bomber Eusepi: colpo di testa vincente del numero 9 sugli sviluppi di calcio d’angolo. Al 42’ la Juve Stabia sfiora la rete del pari con Altobelli: conclusione alta di un soffio. Ammoniti nella prima frazione di gioco Tonucci per la Juve Stabia e Finizio per il Picerno.

SECONDO TEMPO

Pronti via ci prova subito la Juve Stabia con una punizione dal limite calciata da Bentivegna: la conclusione dell’attaccante si spegne sul fondo. Al 53’ ancora Vespe pericolose: Rizzo libera il sinistro da posizione defilata, palla di poco a lato. A sorpresa il Picerno realizza il tris al 56’: colpo di testa vincente di Gerardi posizionato nel cuore dell’area gialloblù, Lazzari prova l’intervento ma non ci arriva. Novellino prova la carta Evacuo per raddrizzare le sorti del match: l’attaccante sostituisce uno spento Davì. I gialloblù accorciano ancora una volta le distanze al 63’: azione rocambolesca in area ospite e autogol di Ferrani. Nel finale la Juve Stabia si gioca il tutto per tutto alla ricerca del gol del pari, in campo contemporaneamente quattro attaccanti: Panico, Evacuo, Eusepi e Bentivegna. Dentro anche il trequartista Schiavi per il difensore Cinaglia. All’85’ occasione per la squadra di mister Palo: il colpo di testa di Coratella finisce a lato. Rispondono le Vespe con Panico, destro a volo fuori misura. Nei minuti di recupero il Picerno sciupa il quarto gol, De Cristoforo in contropiede non riesce a superare Lazzari in uscita.

Seconda sconfitta consecutiva per la Juve Stabia, dopo la trasferta di Catania. Tre punti preziosi per il Picerno in ottica salvezza.

Leave a Reply

Your email address will not be published.