fbpx

Juve Stabia ferma sul mercato in entrata: è l’unica società in Serie C

Juve Stabia ferma sul mercato in entrata: è l’unica società in Serie C

© “JUVE STABIA” – FOTO MOSCA

Da incubo l’inizio del 2023 della Juve Stabia. I gialloblù hanno raccolto un solo punto in tre partite di campionato. Un ruolino di marcia che ha ridimensionato le ambizioni del club stabiese. Il terzo posto in classifica, occupato dal Pescara, ora è lontano ben nove punti. Certo, resta ben saldo il piazzamento playoff, ma l’entusiasmo della piazza è colato a picco. Non solo a causa delle ultime prestazioni, scialbe e incolori, ma anche e soprattutto per l’inoperosità sul mercato.

La Juve Stabia, assieme alla modesta Pergolettese impegnata nel girone A, è l’unica società di Serie C a non aver chiuso operazioni in entrata nel calciomercato invernale in corso.

Eppure, la squadra gialloblù, come supportato dagli ultimi risultati, non sembra priva di lacune. I partenti Tonucci, Erradi e Della Pietra, cui vanno aggiunti Santos e Bentivegna ufficialmente in lista di sbarco, non sono stati ancora sostituiti, né in termini numerici né sotto il profilo qualitativo. Al termine del calciomercato invernale mancano appena 6 giorni, col gong finale previsto per le ore 20:00 del 31 gennaio. Inevitabilmente, prima di allora, partirà la rincorsa all’affare last-minute, al colpo a ribasso, con buona pace per qualsivoglia pianificazione in merito.

Anche la corazzata Catanzaro, saldamente in vetta alla classifica e tra i club più in forma in Europa, ha ritenuto opportuno rinforzarsi, con ampio anticipo, con l’arrivo del talento Brignola. Le altre campane hanno già ufficializzato colpi del calibro di Maldonado, Tumminiello, Tounkara e Sorrentino. Un contesto che rende ancor più paradossale la mancanza di intraprendenza del club stabiese.

Insomma, una Juve Stabia che, nonostante i proclami, sembra in balìa degli eventi. Con la società che corre l’inutile rischio di arrivare al rush finale e trovarsi per le mani un pugno di mosche, o l’ennesimo ‘bidone’. Al direttore sportivo Giuseppe Di Bari, tra i migliori della categoria, il compito di ribaltare la situazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published.