Bagni: “Basta nascondersi. Le altre squadre temano il Napoli”

Salvatore Bagni

L’ex azzurro e campione d’Italia 1987 Salvatore Bagni ha dichiarato ai microfoni di Radio Marte, durante la trasmissione Si gonfia la rete, che adesso sono le altre squadre a temere il Napoli, sottolineando che se mister Spalletti non si nasconde davanti alla parola scudetto, neppure il popolo azzurro deve farlo. Anzi, si deve creare entusiasmo intorno all’ambiente. Bagni conclude il suo intervento con una battuta sulla perdita della titolarità di Manolas in favore di Rrahmani.

“Il Napoli ha vinto le ultime 3 in scioltezza, non sono mai state in discussione. Si attacca anche quando si è in vantaggio, senza dare all’avversario la chance di rientrare in partita. L’impressione che si dà a tutti è quella che il Napoli vincerà facilmente la partita ed è una cosa bella. La squadra è convinta ed è già in sintonia con l’allenatore, che ha capito i valori con cui lavorare e che aveva anche gente di spessore.

Spalletti sta facendo la differenza e lo si vede. Non solo nel numero dei passaggi ma anche nella qualità di essi dalla trequarti in avanti. Non è che vai sul fondo e metti in mezzo, poi vediamo. Qui si ragiona, qualche volta si torna indietro, ci sono filtranti e idee. Se non si nasconde Spalletti perché dobbiamo nasconderci noi? Lo facevamo molti anni fa perché non era successo niente, prima di Napoli-Fiorentina eravamo in ansia. Gli altri temono questa squadra, trovare soluzioni al modo di giocare del Napoli non è facile per nessuno. L’unica soluzione può essere un calcio da fermo, altrimenti giocare contro il Napoli adesso è difficilissimo.

L’anno scorso il gol di Nandez ci tolse la qualificazione, fu un episodio. Dopo 6 giornate la Juventus è a 10 punti, la Roma è a 6: di che parliamo? Ci sono solo 3 squadre che possono vincere il campionato: Napoli, Inter e Milan. E la sorpresa sarà la Fiorentina. Giovedì dovremo fare turnover totale contro lo Spartak perché la Fiorentina ci può mettere in difficoltà per caratteristiche, cattiveria e allenatore. Andremo a giocare una partita difficile. Giovedì qualcuno deve riposare.

Manolas? Non si gioca per amicizia o perché ti ho avuto e hai giocato bene nella Roma. Il Napoli ha subito 2 gol, di cui uno regalato da lui contro la Juventus. Lui durante il retropassaggio non guarda se interviene qualcuno, a occhi chiusi dà la palla e non esiste. Ha fatto un errore clamoroso e sta pagando le conseguenze, quando meriterà tornerà in campo. Per ora gioca Rrahmani”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.