Ferlaino: “Maradona sarebbe felice di questo Napoli da scudetto”

Maradona statua

L’ex presidente del Napoli Corrado Ferlaino ha rilasciato alcune impressioni su questo Napoli solitario in vetta alla classifica ai microfoni di Rai Gr Parlamento, nel corso della trasmissione La politica nel pallone. Durante il suo intervento Ferlaino si è esposto su un possibile parallelo tra il suo Napoli campione d’Italia e questo guidato da Spalletti, giunto, a quanto pare, alla piena maturazione dopo anni travagliati per un motivo o per un altro.

Può essere l’anno buono per lo scudetto del Napoli. La Juve quest’anno non ha più Cristiano Ronaldo e una difesa con Bonucci e Chiellini che avanzano con l’età. Il Milan dei giovani è da temere, ma forse è un po’ inesperto e l’Atalanta è una bellissima squadra ma non so quanto possa competere per il vertice.

Osimhen sta giocando alla grande, brucia i suoi avversari con gli scatti. Ha grande velocità ed è un giocatore di area. Non vedo paragoni con Careca e Giordano. Bravo il presidente De Laurentiis ad averlo preso. Anche Insigne è in grande forma. Per me Lorenzo è l’uomo in più della Nazionale e del Napoli, sono certo che il presidente riuscirà a risolvere la questione del contratto nel modo migliore possibile. Anche perché lui ama molto Napoli.

Paragone tra il mio Napoli scudettato e quello di oggi? Quest’anno ci sono almeno 5 squadre che possono lottare per lo scudetto. Ai miei tempi si lottava soprattutto contro il Milan. Tutti i giocatori del Napoli di oggi avrebbero potuto far parte del mio Napoli. Spalletti mi ricorda Ottavio Bianchi, perché è bravissimo e permaloso come lui. Da quello che leggo sui giornali ha un caratterino niente male. Speriamo che non litighi con De Laurentiis, ci auguriamo tutti che questo matrimonio vada molto bene”.

Infine, Ferlaino si congeda dalla trasmissione con un sentito pensiero rivolto al pibe de oro.

Diego manca a tutti noi. Se non fosse successo quello che è successo, o che gli hanno fatto succedere, lui sarebbe stato contentissimo di vedere il Napoli in testa alla classifica. Sarebbe venuto allo stadio a goderselo. La sua scomparsa ancora ci addolora”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.