fbpx

Insigne: “Qui per la mia famiglia, sono attaccante ma mi sacrifico per la squadra”

insigne

© “INSIGNE” – FOTO MOSCA

Lorenzo Insigne si presenta in conferenza stampa ai suoi nuovi tifosi. L’ex calciatore del Napoli ha lasciato le sue prime dichiarazioni da calciatore del Toronto, presentandosi come un calciatore abituato a giocare sotto pressione e disposto a sacrificarsi per la squadra. Le sue parole:

“Ho giocato 10 anni a Napoli, ho vinto un Europeo con la Nazionale, sono abituato ad un certo tipo di pressione. Bisogna dimostrare sempre il proprio valore sul campo, mi metterò a disposizione del mister e farò parlare il campo. Il passato di Giovinco a Toronto non mi ha condizionato, ho accettato volentieri perché volevo una nuova sfida. Lui ha fatto benissimo a Toronto ed è giusto che se lo ricordano. Cercherò di fare bene come lui. Alcuni pensano che io sia venuto qui per motivi economici, ma io sono venuto qui per la mia famiglia. Inoltre, il presidente mi ha fatto una bellissima impressione”.

Poi, ha aggiunto: Sono un calciatore offensivo, ma mi sacrifico molto per la squadra. Negli anni, quando militavo nel Napoli, spesso ho litigato con mio padre che diceva che dovevo fare più goal perché sono attaccante, ma sono un generoso e più si gioca per la squadra e più si esaltano le qualità del singolo. Mi va bene qualsiasi ruolo, posso giocare anche in porta anche se non ho il fisico. Non è vero che la Major League non è il vero calcio, ho visto invece delle cose molto interessanti“.

Leave a Reply

Your email address will not be published.