Gli scricchiolii della gestione Spalletti, differenza di vedute nel club

Gli scricchiolii della gestione Spalletti cominciano ad emergere con il terminare della stagione. Differenza di vedute e comunicazione sono le maggiori idiosincrasie tra tecnico e club.

spalletti
Articolo di Redazione SDS01/05/2022

© “SPALLETTI” – FOTO MOSCA

Nel giorno in cui si dovrebbe celebrare la roboante vittoria ottenuta contro il Sassuolo con un punteggio tennistico, ancora una volta a tenere banco sono le dichiarazioni contrastanti all’interno del Napoli. La Gazzetta dello Sport dipinge un Luciano Spalletti “felice e isolato”, tra la contestazione piovuta dai tifosi prima della partita, la differenza di vedute con Mertens su alcuni aspetti di campo e nelle dichiarazioni rilasciate, e le immancabili critiche dei media. A seguire un estratto dalla rosea.

Differenze di vedute, ma mica da poco. Perché da un’analisi interna seria e approfondita si può capire cosa bisogna migliorare in un futuro che è ancora tutto da scrivere. Che parte dalla certezza della qualificazione in Champions, ma anche da bilanci da far quadrare che porteranno De Laurentiis a cedere diversi giocatori.

Bene fa Spalletti a mettere i puntini sulle i di una stagione dalle possibili letture diverse. Ma quando comincia a vedere fantasmi o attacchi esterni si renda conto che nell’arco dell’ultima settimana il Napoli ha fatto tutto da sé, sconcertando l’intero ambiente. Ancora ieri lo stesso allenatore ha sottolineato come fosse ‘assurdo mandare in ritiro una squadra terza in classifica’. Ma in quella domenica di follia, dopo Empoli, era stato lui ad assecondare la decisione di un iracondo presidente”.