Striscione polemico, dura reazione del presidente della Turris

In risposta, probabilmente, allo striscione apparso nel settore ospiti del Ceravolo di Catanzaro, esposto da una parte del tifo organizzato della Turris, recante il messaggio "Via Tutti!", la risposta del presidente Antonio Colantonio non si è fatta attendere.

Articolo di Redazione SDS02/02/2023

©️ “TIFO TURRIS” – FOTO MOSCA

In risposta, probabilmente, allo striscione apparso nel settore ospiti del Ceravolo di Catanzaro, esposto da una parte del tifo organizzato della Turris, recante il messaggio “Via Tutti!”, la risposta del presidente Antonio Colantonio non si è fatta attendere:

“Cari tifosi,

stiamo attraversando un periodo difficile dove purtroppo i risultati non sono dalla nostra parte. Capisco la vostra delusione così come la vostra contestazione che è assolutamente legittima visto il rendimento della squadra. Come ho detto in conferenza stampa ad inizio anno, farò di tutto per salvare la Turris. Credo che quanto detto sia dimostrato dai fatti con una campagna acquisti importante fatta nella sessione di mercato appena terminata.

Ci tengo a rassicurare chi mi invita a farmi da parte. A fine stagione il sottoscritto, insieme a tutta la dirigenza, rassegnerà le dimissioni. Fino a quel momento però daremo il massimo affinché si possa portare la Turris al mantenimento della categoria. La salvezza passa anche dal sostegno di voi tifosi. Nelle prossime gare affronteremo dirette concorrenti al Liguori e c’è il bisogno di remare tutti dalla stessa parte. La Turris, come ho sempre ribadito, è un qualcosa che noi presidenti prendiamo in prestito ma resta esclusivamente della città di Torre del Greco.

Vi chiedo dunque, nell’interesse della Turris e del patrimonio Lega Pro, che ci siamo guadagnati con tanti sacrifici dopo anni di delusioni e amarezze, di restare uniti. Ci aspettano battaglie a partire da quella di domenica contro il Monterosi. La mia parte continuerò a farla fino all’ultimo secondo di questa avventura. Non mi tirerò indietro. Mettiamo dunque da parte le tensioni, la rabbia e quanto altro per un’annata finora deludente. L’obiettivo comune si chiama salvezza

Antonio Colantonio”