Ventura sminuisce la Serie A: “Tolto il Napoli le altre squadre mi annoiano tutte”

L'ex allenatore della Nazionale, Gianpiero Ventura, ha parlato del Napoli e del campionato italiano nel corso di un'intervista.

Ventura
Articolo di Redazione SDS03/03/2023

L’ex allenatore della Nazionale italiana e della Serie A, Gianpiero Ventura, ha parlato del Napoli e del campionato italiano nel corso di un’intervista per Radio CRC:

Sulla Serie A:Mi annoio un po’ a vedere questo calcio a parte il Napoli e poche altre. Questo è il campionato tra i meno interessanti delle ultime stagioni, ma questo non sminuisce l’impresa del Napoli che sta facendo un campionato a sè. Al di là dei 18 punti che possono diventare 21, credo che sia un campionato che purtroppo lascia un po’ di amaro in bocca perché non c’è contrapposizione e c’è un’enorme differenza tra il Napoli e le altre squadre. Si vede dalla prima di campionato la differenza di qualità tra il Napoli e le altre”.

Sul Napoli di Sarri: “Quella squadra era paragonabile anche a questo, ha fatto un calcio di altissimo livello. La Lazio di Sarri alterna prestazioni di alto livello a partite in cui perde contro la Salernitana in casa. Stasera sarà uno spettacolo godibile per gli amanti di questo sport”.

Sul possesso palla: “Si parla in continuazione a volte senza avere ben chiara la finalità e la motivazione. Come la costruzione dal basso che a volte ha senso farla. Se non hai finalità e non sai farla come dovrebbe essere fatta, forse non conviene neanche farla. Al Bari usavo la costruzione dal basso già 20/25 anni fa perché avevo i giocatori giusti. Il possesso palla ha senso se hai una finalità specifica, se lo fai fine a se stesso non ha senso”.

Sulla partita di stasera tra Napoli e Lazio: “Napoli e Lazio sono due squadre che hanno giocatori di qualità e organizzazione. Stasera è una di quelle partite che chi ama il calcio non deve perdere”. 

Sul suo 4-2-4: “Ha senso utilizzare un determinato modo di stare in campo se hai i giocatori con delle determinate caratteristiche. A Bari giocavamo in quella maniera perché avevamo i giocatori perfetti per poterlo fare. Ho iniziato a Torino così, avevo giocatori che sulla carta lo facevano, poi quando ho visto che non era possibile ho cambiato”.

Su Osimhen: “Quando è arrivato mi ha sorpreso perché aveva caratteristiche completamente diverse rispetto a quelle a cui eravamo abituati. Oggi è consapevole dei propri mezzi. È determinante e c’è il lavoro di Spalletti alle spalle senza ombra di dubbio, quindi complimenti ad entrambi. In pochi attaccano la profondità come lo fa Osimhen”.

Sulla rosa del Napoli: “Oggi se chiedi a Spalletti di prendere un giocatore di una squadra avversaria, forse ne prenderebbe solo uno o due. Di Lorenzo due anni fa era diverso dal Di Lorenzo di oggi, c’è stata una crescita. Ha inciso anche la società che ha deciso di rinfrescare la rosa dimostrando che fosse giusto farlo. Sono stati bravi la società e Giuntoli a portare giocatori nuovi dentro. Si vede che c’è gioia di produrre ed è la cosa più bella a cui un allenatore possa aspirare. Sicuramente Spalletti è felice di andare al campo a fare allenamento perché c’è voglia di stare insieme. Raspadori ha passato tutto il secondo tempo della partita contro la Salernitana a scaldarsi senza entrare e a fine partita invece di lamentarsi è andato ad abbracciare i compagni. Complimenti alla società, alla tifoseria e a tutti. Il Napoli non è una squadra importante solo in Italia, ma forse per la prima volta anche in Europa”.

Leggi anche: