Cremonese, Braida: “Il Napoli vincerà lo scudetto a mani basse”

In vista di Napoli-Cremonese, il direttore generale del club lombardo, Ariedo Braida, ha rilasciato alcune dichiarazioni sul match del Maradona.

Articolo di Redazione SDS09/02/2023

[cmsmasters_row data_shortcode_id=”8fb2bcl5qq” data_padding_bottom_mobile_v=”0″ data_padding_top_mobile_v=”0″ data_padding_bottom_mobile_h=”0″ data_padding_top_mobile_h=”0″ data_padding_bottom_tablet=”0″ data_padding_top_tablet=”0″ data_padding_bottom_laptop=”0″ data_padding_top_laptop=”0″ data_padding_bottom_large=”0″ data_padding_top_large=”0″ data_padding_bottom=”50″ data_padding_top=”0″ data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center” data_color=”default” data_bot_style=”default” data_top_style=”default” data_padding_right=”3″ data_padding_left=”3″ data_width=”boxed”][cmsmasters_column data_width=”1/1″ data_shortcode_id=”x9po5fkwnq” data_animation_delay=”0″ data_border_style=”default” data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center”][cmsmasters_text shortcode_id=”79v4ykq7sn” animation_delay=”0″]

Reduce dalla schiacciante vittoria in trasferta contro lo Spezia, il Napoli si avvicina al match di campionato contro la Cremonese, in programma domenica allo stadio Maradona. I grigiorossi hanno già sorpreso i partenopei agli ottavi di finale di Coppa Italia, tuttavia questa volta Luciano Spalletti non ammette cali di tensione per consolidare il primato e non interrompere il trend positivo in Serie A.

A pochi giorni dal match Napoli-Cremonese, Ariedo Braida, direttore generale della Cremonese, è intervenuto ai microfoni di Kiss Kiss Napoli.

“Noi non abbiamo mai vinto e prima o poi dovremo vincerla. Ma il Napoli è forte. Io ho già detto che vincerà lo Scudetto a mani basse, lo ribadisco perché la squadra è fortissima, ha gli attaccanti più forti d’Europa. Io spero che non vinca contro la Cremonese. A volte anche il fanalino di coda può regalare una sorpresa.

Kvaratskhelia alla Kakà? O alla Shevchenko, essendo di quelle parti. Nel calcio moderno la cosa più importante è saltare l’uomo e ci sono pochi giocatori che sanno farlo. Kvara sa farlo e questo dà un gran vantaggio alla sua squadra. Quelli bravi prendono la palla, affrontano l’uomo e in molte occasioni lo superano. A quel punto crei superiorità numerica”.

[/cmsmasters_text][/cmsmasters_column][/cmsmasters_row]