Maradona Junior: “Mai dichiarato di voler agire legalmente contro il Napoli”

"Ho apprezzato il gesto del club, e da parte mia e dei miei fratelli c'è totale apertura nei confronti della SSC Napoli", spiega Diego Jr.

Articolo di Redazione SDS09/11/2021

Diego Armando Maradona Jr., allenatore del Napoli United, ha rilasciato un’intervista a Napoli Magazine per precisare la sua posizione sulla maglia celebrativa della squadra di De Laurentiis:

“Spiace constatare che nelle ultime ore stanno circolando delle interpretazioni fantasiose sul mio conto, che onestamente intendo smentire categoricamente. Non ho mai dichiarato che noi figli di Maradona intendiamo agire legalmente contro il Napoli! Vado allo stadio con mio nonno da quando avevo 4 anni, tifo Napoli praticamente dalla nascita, per cui di cosa si sta parlando? Significherebbe andare contro me stesso, la mia natura e non intendo farlo.

Mi è stato semplicemente chiesto un parere sulla maglia tributo che la società ha dedicato alla memoria di mio padre, in occasione della partita contro il Verona, ed ho sottolineato che ho apprezzato il gesto del club, come ogni manifestazione d’affetto che si è verificata negli ultimi mesi, specificando anche che in qualità di figli di Maradona siamo aperti a qualsiasi iniziativa legata al nome e all’immagine di mio padre, essendo gli unici e naturali eredi, a maggior ragione se si tratta di opere di beneficenza.

Nelle ultime ore ho ricevuto sui social, come pure mia madre Cristiana, insulti gratuiti per un qualcosa che non ho mai dichiarato. Da parte mia, e dei miei fratelli, c’è totale apertura nei confronti della SSC Napoli. Sinceramente leggere determinati commenti fa male, anche perché nascono da frasi mai pensate e pronunciate.

La serie tv “Maradona: Sogno Benedetto” su Amazon Prime? Non l’ho ancora vista, di sicuro vedrò il prossimo episodio che mi riguarda in prima persona e tratta della relazione avuta con mia madre. Chiedo un po’ di cautela a chi si occupa di divulgare argomenti delicati”.