Spalletti: “Qui sul pezzo ci tiene la città, i nostri tifosi”

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli, dopo la vittoria contro la Cremonese, è intervenuto al microfono di DAZN.

Articolo di Redazione SDS12/02/2023

©️ “SPALLETTI” – FOTO MOSCA

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli, dopo la vittoria contro la Cremonese, è intervenuto al microfono di DAZN. Ecco le sue dichiarazioni:

“Qui sul pezzo ci tiene la nostra città, i nostri tifosi. E questa possibilità di fare delle cose importanti. Tutti lo percepiscono, anzi forse troppo, visto che nel primo tempo non siamo stati tanto tranquilli nel giropalla come lo siamo solitamente. Ci siamo un po’ innervositi su qualche palla persa ed è stato più difficile. Poi da lì la Cremonese ha usato la sua tattica, coi quinti larghi, e ci ha fatto perdere energie dovendo difendere sulle tante palle che hanno messo nella nostra area di rigore. Nel secondo tempo poi molto meglio e quando abbiamo fatto girare palla con più ordine ho applaudito perché è quello che dobbiamo fare, è quella la nostra squadra”.

Si vede una disponibilità totale da parte di tutta la squadra. “La disponibilità è totale in questo momento. Abbiamo calciatori professionisti, bravi ragazzi, si allenano tutti bene e sono tutti disponibili a spendere delle corse per allenare la squadra. Devono essere pronti a distruggersi sul campo per un risultato perché un risultato può fare la differenza. Quindi ci vuole quest’atteggiamento qui”.

Una volta disse che Osimhen aveva gran voglia di migliorarsi. Aveva ragione lei e ora non protesta più. “Ci sono delle cose che non ci devono interessare, che riguardano roba differente a quella che deve essere la nostra attenzione, ossia le proteste. Stasera c’era un episodio su cui potevamo avere una reazione differente, invece i ragazzi sono rimasti tutti ordinati. Quello che ci dà l’arbitro è quello che ci spetta, altrimenti i calciatori si innervosiscono e vanno a pensare di aver avuto degli svantaggi. Invece dobbiamo vincere le partite nonostante le cose che troviamo in mezzo. Se uno si mette 20” a perder tempo sono 20” che non tornano più per fare il risultato. La partita va gestita come abbiamo fatto”.

Elmas dimostra che tutti sono pronti. “La chiave è il modo di allenarsi. Domattina noi ci alleniamo e se non sviluppano un buon allenamento quelli fuori e non mettono in pari la fatica con quelli che hanno giocato, è un qualcosa che ci mancherà nella prossima gara. Se in allenamento s’impegnano, andando addosso, anche sul compagno, ovviamente nei limiti, viene fuori un allenamento di livello alto e ci si abitua a questo livello alto, in modo da non trovare sorprese quando troviamo avversari, soprattutto in Europa o quando si gioca contro le migliori d’Italia”.

Lo sa che tra le 16 di Champions League solo tre squadre sono più quotate di voi? “Sì, sì, io lo so qual è il vostro gioco. Lo conosco bene, ero piccolo quando si faceva (ride, ndr). Noi dobbiamo fare partita per partita. Il fatto che ci facciano pensare che sia già vinto, che ci sono cose che andranno a posto da sé sole… No, non è così. Si ragiona come si vuole noi, tramite l’attenzione al dettaglio del giorno dopo. Si mangia col presente, non col futuro”.

Andrete al compleanno di Kvaratskhelia? “Ora esistono i gruppi, io sono in qualche gruppo e ieri dopo mezzanotte tutta la squadra gli ha fatto gli auguri, senza aspettare oggi. E questo è il clima che c’è in squadra”.