Il Napoli ha fatto un altro mercato mediocre: lo dicono le scelte di Mazzarri a Milano

Nel big match di San Siro tra Milan e Napoli, Mazzarri si è affidato alla vecchia guardia e bocciato con i fatti quasi tutti i nuovi arrivi.

Mazzarri NapoliFoto Mosca
Articolo di Redazione SDS12/02/2024

La sconfitta di ieri sera contro il Milan lascia inevitabilmente delle scorie. Il Napoli non ha brillato, come d’altronde mai ha fatto in questa stagione, ed il 3-5-2 proposto da Mazzarri, che pur qualcosa di buono ha fatto vedere, ha prodotto la bellezza di 1 tiro (0 in porta) nei primi 45 minuti. Ridimensionamento totale non solo rispetto alla passata straordinaria stagione, ma anche rispetto a tutte le altre precedenti.

In un’analisi proposta questa mattina, Il Napolista analizza nello specifico le scelte di formazione di Walter Mazzarri, sia dal primo minuto che a gara in corso. Tra le righe si può scorgere un messaggio che in realtà una novità non è, e che anzi in fin dei conti rimarca la delusione e che giustifica le critiche di tifosi e addetti ai lavori per il calciomercato appena concluso. Il tecnico si è affidato alla vecchia guardia e ha bocciato i nuovi:

“Tu chiamalo se vuoi, Ancien Régime. Mazzarri a Milano, nella partita contro la squadra di Pioli, ha praticamente ignorato le ultime due sessioni del Napoli. Sia il calciomercato estivo che esce clamorosamente bocciato alla prova dei fatti. Ma ha preparato la partita non tenendo in considerazione nemmeno la sessione invernale, quella che il club ha condotto con lui in panchina. Con una eccezione: Mazzocchi che ha schierato a sinistra nel 3-5-2 prima e nel 4-3-3 poi- Mazzocchi che poi al minuto 76 ha lasciato il campo per il rientrante Olivera.

Per il resto, ha schierato titolari tutti giocatori che già c’erano lo scorso anno: Gollini, Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus, Ostigard, Lobotka, Anguissa, Zielinski, Kvaratskhelia, Simeone. Primo ingresso: Politano. Secondo Raspadori. Soltanto al minuto 76 ha fatto la sua apparizione il mistero danese Lindstrom al posto di Zielinski, che il club ha escluso dalla lista Champions. E al minuto 88 si è visto Ngonge che ha avuto il tempo di toccare quattro palloni.

Cajuste il campo non l’ha neanche visto. E parliamo del calciatore che il 21 febbraio dovrebbe giocare titolare in Champions contro il Barcellona. Barcellona che se la passa malissimo, con Xavi che di fatto è stato virtualmente esonerato, ma è pur sempre il Barcellona. Così come non l’ha ancora visto Traorè, l’uomo su cui De Laurentiis ha scommesso anche per la Champions. L’ex gioiellino del Sassuolo che il Napoli ha preso in prestito e che è stato inserito in lista Champions al posto del polacco in uscita. Neanche un minuto nemmeno per il belga Dendoncker.

[…] Non un bel segnale. Del resto, se l’intento di De Laurentiis era avere un allenatore che ama le novità e che guarda al futuro, Mazzarri non è proprio quel che si dice l’uomo ideale. Non dimentichiamo che per anni il presidente lo ha accusato di aver fatto perdergli Verratti, ora se n’è dimenticato per carità di patria.

Adesso torna Osimhen che certamente giocherà titolare contro il Genoa e contro il Barcellona. Difficilmente Mazzarri farà nuovi esperimenti davanti, magari potrà far giocare Cajuste al posto di Zielinski. Il resto della truppa può attendere. Se lo avesse saputo, probabilmente De Laurentiis avrebbe risparmiato quei soldi spesi”.

Napoli

Napoli Campione d’Italia, ora è davvero record negativo: ben 29 punti in meno

Il Napoli ha 29 punti in meno rispetto allo scorso anno: mai nessuna squadra Campione...

Zielinski

Zielinski, per Calzona è una risorsa importante: titolare con il Cagliari?

Per Francesco Calzona, la presenza di Zielinski è fondamentale: possibile titolarità contro il Cagliari.

Allegri

Allegri: “Competiamo per la Champions con molte squadre”, ma non con il Napoli

Massimiliano Allegri parla della corsa Champions ma non inserisce il Napoli tra le rivali.

Thiago Motta

Canovi, agente Thiago Motta: “Nessuno vuole allenare il Napoli”

Dario Canovi, agente di Thiago Motta, ha rilasciato alcune dichiarazioni su De Laurentiis e si...