Bari, Iachini: “Il club mi ha chiamato dicendo di voler tornare in Serie A, voglio riportare entusiasmo”

Il nuovo allenatore del Bari, Beppe Iachini, ha parlato delle prime emozioni con il club biancorosso: dall'esordio al rapporto con i calciatori.

Bari, IachiniFoto Iachini
Articolo di Redazione SDS13/02/2024

Il nuovo allenatore del Bari, Beppe Iachini, ospite della trasmissione TB Sport di RadioBari, ha parlato delle prime emozioni con il club biancorosso: dall’esordio contro il Lecco al rapporto con i calciatori.

Le dichiarazioni di Iachini

Sul match vinto all’esordio: “Abbiamo avuto un buon impatto come spirito e concentrazione. Mi piace mandare in campi una squadra organizzata, che abbia mentalità in fase offensiva e difensiva. Dobbiamo mettere dentro molto in fretta dei principi. Ho trovato una squadra abbattuta, dovevamo subito dare una volta e i ragazzi mi hanno dato subito disponibilità. Il lavoro è l’unica chiave per migliorare settimana dopo settimana”.

Sul rapporto con i giocatori Iachini ha confessato: “I ragazzi hanno capito subito che seguendo determinati input avremmo avuto dei vantaggi. Non si può far altro che crescere, il conoscersi l’uno con l’altro può aiutarci a leggere delle cose in maniera migliore. Ci sono stati dei colloqui individuali con i calciatori perché ognuno ha una propria chiave d’ingresso e bisogna cercare di entrarci dentro. La gestione del singolo è importante quanto l’aspetto tattico. Non mi era mai successo di essere festeggiato così dopo pochi giorni”.

Sul campionato di Serie B: “La B è un campionato difficile, dove puoi vincere e perdere con tutti. Quando diventi squadra puoi ottenere grandi risultati, due o tre partite di fila si possono vincere con più facilità rispetto alla A. Con un piccolo filotto, nel finale di campionato puoi lottare per obiettivi diversi. Dobbiamo diventare squadra, quasi perfetti in entrambe le fasi di gioco il prima possibile”.

Sul 4-3-1-2: “Sono partito con questo modulo perché mi piace. L’allenatore deve valutare le caratteristiche dei calciatori ed esaltarle. Abbiamo diverse punte centrali e giocatori bravi tra le linee. Non vorrei spostare troppo sugli esterni giocatori come Sibilli o Menez, più vicino stanno alla porta e meglio è”.

Sul periodo di inattività e sulla scelta di Bari: “Ho girato un po’, sono stato in Inghilterra. Mi hanno chiamato sei o sette squadre, anche dalla A, ma andarci per rischiare di retrocedere non mi andava. Cercavo un progetto che mi entusiasmasse. Il presidente e il direttore mi hanno chiamato dicendomi di voler tornare in Serie A. Ho visto una grande passione, Bari è un posto a cui sono legato e che mi entusiasma”.

Infine, Iachini ha parlato del San Nicola: “Il San Nicola deve essere il dodicesimo uomo in campo. Venir qui non è facile per nessuno, uno dei miei obiettivi è riportare entusiasmo, fiducia e gente allo stadio”.

Bari, Giampaolo

Bari, Giampaolo: “Meritavamo di più, il pareggio ci va stretto”

Alla fine della partita Bari-Pisa terminata con il risultato di 1-1, ha rilasciato importanti dichiarazioni...

Maita, Bari

Bari, Maita: “Siamo forti, ne usciremo”

Al termine del match Bari-Pisa, Mattia Maita ha rilasciato un'intervista esprimendo il proprio pensiero sulla...

Napoli, Filmauro

Filmauro: un’annata horror

La multiproprietà è un problema da risolvere: le società dei De Laurentiis stanno vivendo una...

Bari, Pisa

Il Bari non riesce a vincere al San Nicola contro il Pisa: una gara a due volti

Il Bari di Giampaolo strappa un pari contro il Pisa: la formazione biancorossa deve ripartire...