Inibizione De Laurentiis, cosa succede?

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, rischia un periodo di inibizione di 11 mesi e 5 giorni. Ecco a cosa andrebbe incontro se ciò accadesse.

de laurentiis
Articolo di Redazione SDS13/04/2022

© “ADL” – FOTO MOSCA

La FIGC chiede sanzioni pesanti per la SSC Napoli per il caso plusvalenza. Per il presidente Aurelio De Laurentiis, è stato chiesto un periodo di inibizione di 11 mesi e 5 giorni.

A fare il punto della situazione ci ha pensato l’edizione odierna del “Il Mattino”, il quale, spiega tutte le limitazioni a cui potrebbe andare incontro il patron azzurro:

“Nel caso in cui scattasse l’inibizione per Aurelio De Laurentiis, ci sarebbe il divieto di svolgere la propria attività ufficiale in qualsiasi circostanza. Non potrebbe accedere al terreno di gioco, agli spogliatoi e ai locali annessi in occasione delle partite, ufficiali e non.

L’inibizione di un dirigente impone anche l’impossibilità di svolgere alcune attività a livello manageriale e amministrativa nel club: ad esempio, non potrà partecipare in prima persona alle trattative di calciomercato, rinnovo di contratti o sottoscrizione di accordi, oltre a non poter rappresentare il club nelle assemblee della Lega Serie A (a meno non si tratti di argomenti a livello patrimoniale)”.