Altomare: “Il Napoli sta sorprendendo tutti, Kvara è una furia”

Luca Altomare, ex calciatore del Napoli, ha rilasciato delle dichiarazioni sul gioco partenopeo e sulla classe di Kvaratskhelia.

Articolo di Redazione SDS13/10/2022

Luca Altomare, ex calciatore del Napoli, è intervenuto a “1 Football Club”, su 1 Station Radio. L’ex centrocampista azzurro nelle stagioni 94/99, ha rilasciato delle dichiarazioni sul gioco partenopeo e sulla classe di Kvaratskhelia. Di seguito le sue parole:

Pensieri sull’avvio di stagione del Napoli?

“Sta sorprendendo ed emozionando tutti, nessuno si aspettava un percorso simile e un calcio così straordinario”.

Che genere di turnover applicherà Spalletti nelle prossime due gare di Champions?

“Sarà una decisione di Spalletti. Gli azzurri saranno bravi a conoscere i reali obiettivi del club. Sarà dato spazio a coloro che hanno avuto meno possibilità di giocare, ci sarà un lieve turnover”.

Tra Anguissa e Rrahmani quale assenza peserà maggiormente?

“Hanno iniziato la stagione alla grande, come tutti i giocatori della squadra. Ma i loro compagni saranno all’altezza, faranno sicuramente il proprio dovere”.

Quest’anno Kvaratskhelia sembra una furia…

“È un ragazzo arrivato in punta di piedi come un perfetto ‘sconosciuto’, ha dimostrato il suo valore e la sua esclusività in brevissimo tempo. Ieri ha recuperato dei palloni in circostanze fantastiche, ha caratteristiche alla Cavani. Si tratta di un calciatore totale, ha una pacatezza in campo sorprendente”.

Il Napoli ricorda il Borussia Dortmund di Klopp…

“Sono d’accordo, anche se quella squadra era conosciuta attraverso il blasone. Questa, invece, è partita in sordina, si sta forgiando lentamente con un gioco spumeggiante. È un Napoli che si sta meritando tutto quello a cui stiamo assistendo”.

Quali sono le differenze del calcio moderno con quello del passato?

“Quando arrivai a Napoli ed andai in ritiro con la Primavera, c’erano circa 22 italiani. Era un vero made in Italy, attualmente ci sono più stranieri. È cambiato, inoltre, il modo di lavorare ed è stato necessario per adeguarsi ai cambiamenti avvenuti in questo sport. I carichi di lavori sono più leggeri, ma maggiormente intensi”.

Lobotka miglior centrocampista della Serie A?

Bennacer mi piace tanto, è sempre presente nel gioco del Milan, ha un’ottima capacità di interdizione. Non credo sia superiore attualmente allo slovacco, faccio fatica a pensare ad un centrocampista più forte in Serie A. Fa magie con il pallone tra i piedi”.