De Laurentiis e ultras, la ricostruzione del confronto

Come è stato il confronto tra De Laurentiis e gli ultras? E, soprattutto, chi si nasconde dietro tale mediazione? La ricostruzione.

De Laurentiis, NapoliFOTO MOSCA
Articolo di Redazione SDS16/04/2023

© “DE LAURENTIIS” – FOTO MOSCA

Ieri pomeriggio, prima dell’inizio di Napoli-Verona, Aurelio De Laurentiis ha sorpreso tutti. Se fosse stato in campo, allora sarebbe stato protagonista di una grande giocata, ma probabilmente quanto accaduto è molto più importante di qualsiasi gesto compiuto con il pallone tra i piedi. Il presidente del Napoli ha incontrato i rappresentati di tutti i gruppi organizzati delle curve del Maradona, ponendo così fine alle diatribe che avevano animato i giorni scorsi. Non si conoscono con certezza i temi trattati e non si ha una chiara ricostruzione, il Corriere dello Sport ha provato a fare chiarezza mettendo così in nero su bianco:

“La foto social, diventata virale subito, è stata postata da De Laurentiis (cui era stata assegnata la scorta nei giorni scorsi) a pochi minuti dall’inizio della partita contro il Verona. Il presidente del Napoli sorride accanto ad alcuni esponenti delle curve. “Napoli siamo noi, uniti per vincere!” è la frase a supporto dello scatto. I gruppi organizzati hanno raggiunto il presidente nell’hotel che ospita spesso il Napoli. Il confronto è durato un paio d’ore, animi distesi, clima sereno, ognuno ha esposto le proprie ragioni, avanzando richieste e cercando soluzioni, poi lo scatto finale postato qualche ora dopo dal presidente De Laurentiis“.

“Oltre alle parole di Spalletti, che invocava una tregua a supporto del Napoli, c’è stato lo zampino del sindaco in questa intesa da cui ripartire. Manfredi è stato “mediatore” tra le parti, in mattinata c’era stato un confronto in Prefettura alla presenza dello stesso Prefetto, del Questore e di De Laurentiis per preparare l’incontro pianificato nel pomeriggio. Ora, con la giusta serenità, si potrà continuare ad organizzare anche la festa scudetto con il coinvolgimento del tifo organizzato”.