Valentini: “Il Napoli di Spalletti è da imitare e replicare”

Antonello Valentini, ex direttore generale FIGC in un'intervista ha sostenuto che il gioco del Napoli di Spalletti è da imitare e replicare.

Articolo di Redazione SDS16/11/2022

© “NAPOLI” – FOTO MOSCA

Antonello Valentini, ex direttore generale FIGC è intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show sostenendo che il gioco del Napoli di Spalletti sia da imitare e replicare.
Di seguito le sue parole;

“Sarebbe bello che il Napoli venisse preso come modello dall’Italia di Mancini, sia per gioco che per entusiasmo. Quindi, perché no? Poi bisogna essere onesti: nulla potrà mai consolare la seconda assenza al Mondiale. Ora Mancini sta ripartendo, ha tutte le qualità per far rinascere ancora una volta questa Nazionale. Speriamo che venga fuori un po’ di entusiasmo già da queste amichevoli con Albania e Austria.”

Mancini sta mixando tra giovani e senatori, ma è una Nazionale che ha ancora alcuni elementi davvero acerbi. Fagioli e Miretti son venuti fuori quasi per sbaglio se ci pensiamo (ride ndr), visti i tanti infortuni alla Juve. Di qui a diventare dei grandi calciatori, però, ce ne vuole.
Raspadori il numero 10 della nuova generazione? Sta dando dimostrazione di essere un calciatore completo, sta facendo cose davvero positive e sta facendo grandi cose con il Napoli. E poi quando lo senti parlare capisci subito che è un ragazzo molto intelligente.”

Lo scandalo D’Onofrio e le intercettazioni di Malagò? È un periodo davvero nero. La questione dell’AIA, da vecchio dirigente FIGC, mi ha lasciato avvilito. C’è tutta una classe dirigente che sta dimostrando di non meritare l’autonomia e la fiducia della Federazione”.