Kvaratskhelia: “Sono felice di giocare nel Napoli, è uno dei migliori club in Italia”

Khvicha Kvaratskhelia ha raccontato in un'intervista come si sta adattando alla vita di Napoli e al rapporto con i tifosi.

kvaratskheliaFoto Mosca
Articolo di Redazione SDS18/11/2022

© “KVARATSKHELIA” – FOTO MOSCA

Khvicha Kvaratskhelia è uno dei protagonisti del Napoli di questa stagione. Arrivato in Italia per sostituire Lorenzo Insigne, il georgiano ha impressionato tutti con le sue prestazioni.

Il numero 77 azzurro, ha rilasciato un’intervista per Crocobet inerente al suo ambientamento a Napoli e nel campionato italiano.

“La prima cosa che ho pensato quando sono arrivato qui è stata: questa città vive di calcio. Significa molto per me giocare nel Napoli, perchè è uno dei migliori club in Italiasoprattutto Maradona ha giocato qui. Se qualcuno l’avesse detto, non mi sarei reso conto che avrei potuto giocare lì. Sono cosi felice“.

Sui tifosi: “Mi incoraggiano molto, quando le persone mi vedono vogliono foto autografi e dicono parole affettuose. Prima di entrare nello spogliatoio la gente allo stadio sta in piedi e canta mentre stai passando ed in quel momento non hai nessun diritto a non mostrare il tuo meglio. È una grande responsabilità ricevere cosi tanto amore.

Sento di dover restituire tutto questo ai tifosi. Faccio di tutto per rendere felici queste persone. Cammino raramente in città, non ci vado quasi mai. Queste persone sono innamorate di tutti i calciatori. Non importa quanti anni hai, che sia donna o uomo di 70 anni, di calcio sanno tutto”.

Sulla lingua italiana: “Ho pochissimo tempo anche dopo l’allenamento non hai sempre la forza ma, appena posso, cado da una brava insegnante georgiana. Mi fa lezione online, ho già fatto quattro lezioni. So dire “Grazie e bene, tu?”.

Sulla routine giornaliera: “Mi alzo alle 8 di mattina, in 15 minuti sono al campo di allenamento. Come arrivo faccio colazione, le solite procedure e poi mi alleno”.

Rapporto con i social: “Non leggo i commenti sui social potrebbero influenzarmi, sono grata alle persone che mi supportano”.