Salernitana, Nicola: “Juve fortissima, ma faremo la nostra partita”

Davide Nicola, tecnico della Salernitana, ha presentato in conferenza stampa il match di domani contro la Juventus.

Articolo di Redazione SDS19/03/2022

©️ “NICOLA-SALERNITANA” – FOTO MOSCA

Il tecnico della Salernitana Davide Nicola è intervenuto nella consueta conferenza stampa per presentare il match in programma domani pomeriggio contro la Juventus.

SULL’ASSENZA DI MOUSSET
Ha subito una distorsione, capiremo nei prossimi giorni quanto e se sarà grave. Ha appena fatto la radiografia, sono state escluse rotture e lesioni ma resta una situazione da monitorare giorno dopo giorno”.

SULLA VITTORIA DEL GENOA
Il Cagliari ha 25 punti, la Sampdoria 26 e lo Spezia 29. Si è dilatata ancora di più la classifica, ci sono tante squadre in lotta per non retrocedere e la Salernitana proverà a fare il meglio possibile nelle undici gare che restano”.

SULLA PARTITA
“Quando affronti una squadra così forte, con una mentalità vincente, gli stimoli sono automatici. È una partita interessante, ci aiuterà a capire quale livello di forza abbiamo raggiunto. Come a Milano con l’Inter, anche domani occorrerà coraggio misto ad equilibrio. È fondamentale la voglia di pressare, di riconoscere i momenti della gara e saperli interpretare. Mi aspetto molto dalla Salernitana“.

SULLA FORMAZIONE
“Vedremo domani. Vi do quattro nomi: Sepe, Fazio, Lassana Coulibaly e Bonazzoli. Per il resto mancano sette calciatori, lascio fare a voi”.

SUL RISULTATO DI DOMANI
Ci sono undici partite, 33 punti in palio e la partita di domani è la più importante perché ci può dare la possibilità di ottenere ciò che ci serve. Ripeto: dobbiamo controllare la prestazione che vogliamo mettere in campo, è l’unico modo per ambire al massimo. Incontreremo una squadra fortissima, ma siamo certi che le sorprese sono sempre dietro l’angolo. Voglio che la mentalità sia questa, andrò sempre su ogni campo senza accontentarmi. E deve valere anche per i ragazzi”.

SULL’ELIMINAZIONE DELLA JUVENTUS DALLA CHAMPIONS
Resta sempre una grandissima squadra, bravissima a star sempre dentro la partita. Noi vogliamo essere competitivi e sfruttare le occasioni che ogni tanto concedono. A Milano abbiamo fatto un ottimo primo tempo, ma se prendi gol non devi abbassare la guardia né calare di intensità“.

Mamadou pronto per giocare dall’inizio?
“Non gli manca molto per poter essere al top. È un calciatore in cui credo, quando inizierà il ciclo di fuoco vedrete che tutti potranno dare una grossa mano”.

SULLA JUVENTUS
“Nell’ultimo periodo, che dura da tempo, la Juventus è stata pochissimo in difficoltà. Forse un po’ all’inizio, ora no. Non darei troppo peso all’eliminazione di mercoledì scorso, prima dell’episodio a favore del Villareal avevano giocato meglio i bianconeri. Hanno ripreso la loro mentalità, hanno continuità e da dieci anni stanno facendo cose molto importanti. Hanno qualità, non c’è dubbio. Noi vogliamo essere competitivi, avere equilibrio e rispettare l’avversario senza scendere in campo con paura o timore reverenziale. Fare senza strafare è uno dei concetti che ho trasmesso ai ragazzi. Col Milan abbiamo giocato in casa, questo è un fattore che conta. Ma saranno in tanti anche domani. Se facciamo una partita tosta, gagliarda e con idee possiamo essere competitivi”.