fbpx

Spalletti in conferenza stampa: “Kvara out, Osimhen? Un ragazzo intelligente”

Spalletti in conferenza stampa: “Kvara out, Osimhen? Un ragazzo intelligente”

© “SPALLETTI” – FOTO MOSCA

Luciano Spalletti, come di consueto, presenta il match contro la Salernitana, che si terrà domani all’Arechi. La gara chiuderà il girone d’andata del campionato di Serie A e, per l’occasione – come proprio Spalletti ha ammesso – non ci sarà Khvicha Kvaratskhelia.

Un aggiornamento su Kvaratskhelia.
“Non parte, sta a casa. Non ha febbre, ma il medico ha dovuto dargli dei farmaci per i sintomi”.

La delusione in Coppa può favorire la prova di Salerno?
“Non ci ha fatto piacere, ma non ci sono strascichi di nessun tipo e mi aspetto la reazione corretta che deve esserci per una squadra che va a giocare in un campo difficile, caldo, ci giochiamo qualcosa di importante e non vediamo l’ora di giocare”.

Sui due mesi di stop alle trasferte per i tifosi del Napoli.
“Siamo in un momento storico importante, tutti sono importanti figuriamoci i nostri tifosi, proprio per questo non si deve ragionare così. È per la storia della città che dobbiamo comportarci in un certo modo, se si fa casino e si prende il calcio per fare casino poi bisogna subirne le conseguenze.

Ci fa male non avere i nostri tifosi a supporto, importantissimi. Per tutto l’anno abbiamo parlato di stadio pieno e non capisco, sembra che conti altro e non il sostegno alla squadra. Non lo so se è giusta la punizione, non so le regole, mi occupo di altro, ma so mi dispiace non averli al nostro fianco”.

Quanto sta crescendo Osimhen?
“Avrà un futuro importantissimo, è un bravissimo ragazzo, una bella persona, ha reazioni da persona forte, se lo sfidi trovi roba dura, non ha problemi a reagire ed ha fatto passi avanti importanti e non lo vedo più reagire a cose banali come un fallo quando sono arrivato. Fu subito espulso quando arrivai. È un ragazzo intelligente, questo è fondamentale, partecipa di più alla manovra, poi si butta nello spazio, quando va nel lungo è un piacere vederlo, sono vantaggi che lui si crea, è dentro la squadra come movimenti e comportamenti ed avrà il futuro che merita”.

Dopo tutto quello che è successo a Salerno, oltre all’eliminazione, come cambia la partita?
“Mi fa piacere ritrovare Nicola, lo stimo, può essere una complicazione in più ma mi fa piacere che ci sia. La partita avrà duemila difficoltà. Sarà una gara dura, in uno stadio caldo, ma nel nostro percorso non possiamo scegliere che tipo di gara affrontare, ma non possiamo scegliere quale tipo di allenamento fare male con l’occasione che abbiamo di fronte. Affrontiamo ciò che ci viene presentato, mentalmente dovremo essere pronti alla determinazione dell’avversario e altrettanto di consapevolezza e qualità, rimettendo in campo le nostre armi”.

Leggi anche:

Leave a Reply

Your email address will not be published.