Spalletti pentito del cambio di formazione, ecco perché l’ingresso di Mertens

Luciano Spalletti potrebbe essersi pentito di non aver schierato la formazione pragmatica di Verona ieri contro l'Udinese, ecco il perché dell'ingresso di Mertens.

mertens
Articolo di Redazione SDS20/03/2022

© “MERTENS” – FOTO MOSCA

L’edizione odierna di Repubblica apre la rubrica sportiva di questa mattina con un’osservazione sul perché dell’ingresso di Dries Mertens nella ripresa di Napoli-Udinese, nonché sulle scelte di Spalletti a inizio partita. A seguire un estratto dal quotidiano.

Spalletti è deluso, forse pentito di aver cambiato la formazione pragmatica di Verona. Ma indovina il cambio. Nella ripresa riscopre Dries Mertens affiancandolo ad Osimhen. Rimane fuori Fabian Ruiz, sempre pungente nel tiro da lontano, ma in dissonanza con Lobotka e Anguissa che formano invece un tandem efficiente, da non dividere. Osimhen ricambia il favore a Spalletti offrendogli il meglio del suo repertorio: vola per piazzare all’incrocio di testa, devia di interno destro sul primo palo un rasoterra che gli manda dalla destra Di Lorenzo”.