Politano, l’agente: “È arrabbiato, voleva la sua rivincita”

Mario Giuffredi, agente di Matteo Politano, ha rilasciato alcune dichiarazioni riguardo la recente positività al Covid del calciatore.

Articolo di Redazione SDS20/11/2021

© “POLITANO” – FOTO MOSCA

Mario Giuffredi, agente di Matteo Politano, è intervenuto a Radio Punto Nuovo per commentare le reazioni, del suo assistito ma anche dei tifosi, alla scoperta della positività al Covid.

Il procuratore ha commentato con queste parole lo stato d’animo dell’esterno azzurro: “Matteo sta bene ed è asintomatico. È un peccato che salti l’Inter, è molto arrabbiato. Non vedeva l’ora di giocare contro i nerazzurri, voleva vivere una rivincita personale e si era allenato alla grande per essere al top”.

Giuffredi, poi, si è lasciato andare ad un lungo sfogo sulle numerose critiche arrivate da una buona parte della tifoseria azzurra: “Come sempre in questa città si esagera e manca equilibrio. Nel resto d’Italia non si fa questo casino assurdo che si sta facendo a Napoli. Tutti scrivono che Politano abbia contratto il Covid a Parigi, ma il primo tampone era negativo e potrebbe anche averlo preso in città. Ecco perché mi convinco che non si vince mai a Napoli, si eccede in tutto e di più. La società, ovviamente, non può smentire le cretinate che si sentono. Do ragione a Sacchi quando parla di ambiente come punto debole. Siamo disfattisti, portati a distruggere le cose belle. Lo stesso vale anche per quanto successo con Lozano: magari voleva esprimere altri concetti”.

Infine, l’agente ha raccontato lo stile di vita del suo assistito: “Oltre al fatto che è doppiamente vaccinato, bisogna essere rispettosi dei calciatori. Politano vive quasi chiuso in casa con una moglie ed una figlia avuti da poco. Anche loro hanno diritto ad un minimo di vita privata. Vive in maniera esemplare e ora non posso pensare che debba essere giudicato. C’è poco rispetto per gli uomini: se andassero nei locali di notte, allora potrei anche capire”.