fbpx

Esclusiva – Salernitana: Iervolino vuole cacciare De Sanctis

Esclusiva – Salernitana: Iervolino vuole cacciare De Sanctis

© “DE SANCTIS” – FOTO MOSCA

Porte aperte alla Renault, diceva un vecchio slogan pubblicitario del 1984 della celebra casa automobilista francese. Porte aperte alla Salernitana potremmo, invece, dire per definire il corso granata targato Iervolino.
È passato circa un anno da quando l’imprenditore di Palma Campania ha rilevato la società e in questi dodici mesi è successo praticamente di tutto. È stato raggiunta una miracolosa salvezza la scorsa stagione, e, soprattuto, si sono succeduti uomini come se ci si trovasse in un “porto di mare”, secondo gli umori del neo-proprietario.

Il primo a salutare è Angelo Mariano Fabiani, ex direttore sportivo granata che ha costruito la squadra per raggiungere il massimo campionato, al suo posto Walter Sabatini. Poi è il turno di Colantuono, paga la penuria di risultati, la panchina è affidata a Nicola. La coppia nuovo tecnico-ds funziona alla grande, la Salernitana resta in A, grazie ad un mercato eccellente e una cura tecnico-tattica taumaturgica. Tutto lascia pensare ad un binomio che potrà guidare i granata ad obiettivi gloriosi.

Ma colpo di scena: il 2 giugno 2022, a fine campionato, Sabatini è silurato da Iervolino. I due litigano per le commissioni da assicurare agli agenti, divergenza di vedute, il dirigente di Marsciano è rispedito al mittente.
Per sostituirlo è scelto Morgan De Sanctis, vice ds di Tiago Pinto a Roma, dove è stato prima team manager.
In lui è riposta piena fiducia, così come nel tecnico confermato.

La stagione 2022-2023 parte bene, la Salernitana sembra non immischiata nella lotta salvezza, la si raggiungerà senza troppi rammarichi, o almeno sembra. Dopo una prodigiosa vittoria all’Olimpico contro la Lazio per uno a tre, i granata colano a picco e dal 30 ottobre collezionano 4 sconfitte e 2 pareggi in 6 partite, tra cui un 8 a 2 clamoroso a Bergamo. Iervolino va su tutte le furie: non bastano i 18 punti e il +9 sulla terzultima, Nicola è licenziato.

Avanti un altro. Si ma chi? Si sfoglia un ventaglio di nomi ampissimo, ma c’è chi dice no. Praticamente tutti, anche Benitez. Il derby campano si avvicina, i tempi stringono, Iervolino ci ripensa: Nicola sarà il nuovo allenatore, o ancora l’allenatore. Il tecnico ex Crotone dice di aver giocato su i sentimenti del Presidente. Arriva una nuova sconfitta con il Napoli, ma il gruppo è coeso si può fare un ottimo lavoro battendo la strada vecchia. Tutto sembra tornato alla normalità, tutti sembrano remare dalla stessa parte.

E, invece, no. L’indiscrezione delle ultime ore, c’è un altro indiziato alla porta. Si tratta di Morgan De Sanctis. Da quanto appreso dalla nostra redazione, Iervolino starebbe valutando la posizione dell’ex Roma, anzi sarebbe adirato a tal punto col dirigente di averlo avvisato, mezzo salvato. Perché? Per le richieste di autonomia sul mercato avanzate da De Sanctis. “Io sono il DS, io decido chi comprare, senza seguire i consigli di Nicola” sarebbe il sunto del De Sanctis pensiero, che cozza, però, con quello del Presidente: “Qui decido io, quindi o soddisfi l’esigenze di Nicola o te ne vai!”.

Come tanti altri prima di te, aggiungeremmo. Il terremoto Salernitana non è finito qui, altre scosse di assestamento sono all’orizzonte.

Leave a Reply

Your email address will not be published.