Empoli-Napoli 3-2: suicidio degli azzurri al Castellani

Il Napoli crolla clamorosamente ad Empoli negli ultimi minuti di gioco. Alle reti di Mertens e Insigne, rispondono Henderson e la doppietta di Pinamonti.

Articolo di Redazione SDS24/04/2022

©️ “MERTENS” – FOTO MOSCA

Indice dei contenuti

Il Napoli crolla clamorosamente al Castellani di Empoli dopo aver condotto la gara per 80 minuti. Gli azzurri, dopo essere andati in doppio vantaggio grazie alle reti di Mertens e Insigne, gettano quanto di buono fatto nei minuti finali. Prima un errore di Malcuit e poi di Meret mettono di nuovo in gioco i padroni di casa. A due minuti dal 90′, poi, è Pinamonti a completare una rimonta che fino a 10 minuti prima sarebbe sembrata impensabile.

Primo tempo

Al Castellani, partono forte i padroni di casa con Pinamonti che al terzo minuto si divora un clamoroso goal di testa. Il Napoli risponde con Fabian, che al 14′ calcia da fuori verso il primo palo con Vicario immobile ma pallone che termine fuori. Gli azzurri ci provano poi due volte con Osimhen, che di testa prima non riesce a schiacciare la sfera (al 15′) e poi trova l’opposizione dell’avversario successivamente, dopo aver impattato bene su angolo al 20′.

Al 39′ ci prova invece Lozano, che in area calcia però alto. Dopo un minuto è invece Asllani a cercare la rete, con un tiro parato senza troppi problemi da Meret. Il Napoli non gioca una buona gara, ma il vantaggio arriva, al 44′: Lozano crossa una palla bassa al centro, velo di Osimhen e conclusione di Mertens che piega le mani di Vicario trovando il goal del vantaggio.

Secondo tempo

Il primo guizzo della ripresa è targato Osimhen, che da pochi passi spara alto non centrando la porta. Sono solo le prove generali per il raddoppio, che arriva al minuto 52: Anguissa recupera una palla interessante e innesca subito l’azione offensiva, avanzando fino al limite dell’area e servendo Insigne. Il capitano del Napoli resta freddo e di sinistro buca Vicario. È 2-0 Napoli. Al 76’ il Napoli va vicino al tris, con una azione quasi in fotocopia rispetto a quella del raddoppio: stavolta è Mertens che dal limite dell’area apre su Insigne. Il numero 24, però, è impreciso e conclude sopra la traversa da ottima posizione.

Match point fallito. Ed infatti l’Empoli riapre la gara. Malcuit perde un pallone banale al limite della propria area, con il pallone che in qualche modo arriva sul versante opposto dove Henderson, da pochi passi e tutto solo, non può fallire. Pochi secondi dopo Bajrami spreca dalla stessa posizione dalla quale Mertens ha aperto la gara nel primo tempo. All’83’ arriva il pareggio: Meret prova a dialogare con i compagni su una rimessa dal fondo, ma nel farlo si prende un rischio sulla pressione di Pinamonti, che approfitta e ribatte in rete il rinvio del portiere azzurro. Clamorosamente, è 2-2 al Castellani.

All’88’ il suicidio è completato. Il Napoli si scopre in cerca del nuovo vantaggio, ma in una ripartenza fulminea è l’Empoli a trovare la via del gol, ancora con Pinamonti che in spaccata porta a termine una assurda rimonta. 3-2 per i padroni di casa. Dopo 6 minuti di recupero, arriva il triplice fischio.