Napoli, le prossime cinque gare di Serie A saranno le più complicate

Napoli, le prossime cinque gare di Serie A saranno le più complicate

© “NAPOLI” – FOTO MOSCA

Dopo la difficile vittoria sul campo della Salernitana, il Napoli continua a comandare la classifica di Serie A in compagnia del Milan. I 31 punti su 33 disponibili non sono certamente un caso, poiché gli azzurri hanno vinto meritatamente 10 gare su 11, pareggiando (forse con qualche rimpianto) una sfida non facile a Roma.

Spalletti ha portato a casa 4 punti su 6 contro le uniche due big affrontate: Juventus e Roma. Mancano, alla lista, ancora Inter, Lazio, Atalanta e Milan. Tra queste, vi sono le difficili partite contro Hellas e Sassuolo. Di queste sei, cinque sfideranno il Napoli nelle prossime cinque giornate.

Hellas Verona

Attualmente, l’Hellas Verona è forse la dolce nota di questo inizio di stagione. Dopo le prime tre gare, gli uomini di Tudor contavano zero punti. Sconfitti da Sassuolo, Inter e Bologna, il primo successo arriva in casa contro la Roma di Mourinho, per 3-2. Le successive due portano a casa due punti, contro la Salernitana e Genoa. I gialloblù, però, sono belli da vedere. In campo lottano sempre a viso aperto, tant’è che fino alla settima, contano 11 gol fatti e 14 subiti. Ogni loro gara prevede una media di 3,4 reti, tra realizzati e concessi.

Non finisce qui: la sfrontataggine degli uomini di Tudor porta loro un 4-0 contro lo Spezia il 3 ottobre. Successivamente una sconfitta col Milan, ma per 3-2, e una brillante vittoria contro la Lazio per 4-1. Il Cholito Simeone, autore di 4 gol contro la Lazio, è andato a segno con una doppietta nell’ultima di campionato. Ad oggi sono ottavi in campionato con 15 punti. Il Napoli è avvertito.

Inter

Forse al di sotto delle aspettative, ma solo per meriti di Milan e Napoli. I nerazzurri, campioni in carica, sono fermi a 24 punti al terzo posto, a sette lunghezze dalle prime due. Con i loro 28 gol fatti, contano il miglior attacco di questa Serie A. Vittorie schiaccianti contro Genoa, Verona, Bologna e Fiorentina: 16 gol realizzati. Tra queste, alla terza giornata, spunta un pareggio contro la Sampdoria per 2-2.

Poi il piccolo calo. Alla sesta, contro l’Atalanta, gli uomini di Inzaghi pareggiano 2-2. Nelle successive tre, contro Sassuolo, Lazio e Juventus, registrano solo quattro punti: numeri che una squadra come l’Inter non può certamente farne vanto. Mercoledì 27 e domenica 21, trascinati dalle reti di D’Ambrosio, Di Marco e due gol di Correa, i nerazzurri blindano il terzo posto. Edin Dzeko, Lautaro Martinez e Joaquin Correa formano l’attacco più prolifico della Serie A: 16 gol in tre, in 11 gare. Riusciranno Koulibaly e co. a frenare l’attacco stellare di Milano?

Lazio

C’è chi si aspettava una Lazio in versione Napoli del 2017/18, quando sulla panchina azzurra sedeva Maurizio Sarri. Non è proprio così. I biancocelesti sono sesti, e contano 5 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte. Sembrava dovessero spaccare il mondo, dopo l’1-3 e il 6-1 contro Empoli e Spezia. Alla prima difficoltà, però, la Lazio è crollata contro il Milan: 2-0. Poi due pareggi contro Cagliari e Torino.

Il successo più importante arriva però il 26 settembre, nel derby contro la Roma, con i gol di Milinkovic-Savic, Anderson e, ovviamente, l’uomo più atteso, l’ex Pedro, che ha esultato senza un minimo di risentimento.

Gli uomini di Sarri non son facili da capire. Perdono 3-0 contro il Bologna ma ne rifilano tre all’Inter. Poi ne prendono quattro dal Verona e guadagnano 4 punti tra Fiorentina e Atalanta. I biancocelesti alternano prestazioni da scudetto a partite da metà classifica. Con le grandi si esalta, ed il Napoli deve stare molto attento.

Sassuolo

C’è chi pensava che senza De Zerbi il Sassuolo non potesse fare bene. Invece, Alessio Dionisi, è riuscito ad affinare il lavoro del suo collega. Il Sassuolo è 13esimo e conta 4 vittorie. Può fare meglio, senza dubbio. Le sconfitte sono arrivate contro Roma, Atalanta, Inter e Torino. Domenica, però, i neroverdi sono scivolati contro l’Empoli, ed è forse l’unica vera macchia di questa stagione. Da sottolineare, invece, le vittorie contro Verona, Salernitana, Venezia e, soprattutto, Juventus.

Atalanta

L’Atalanta, negli ultimi anni, è la squadra più fastidiosa da affrontare. Gli uomini di Gasperini corrono 100km/h, ed è difficile stargli dietro. I nerazzurri sono quarti, a pari punti con la Roma. C’è chi ad inizio campionato avrebbe scommesso sulla loro vittoria finale. Infatti, le prime 11 gare, non sono andate come i tifosi speravano e s’aspettavano.

Il primo stop arriva alla seconda giornata, nello 0-0 casalingo contro il Bologna. Alla terza. Invece, la sconfitta contro l’altra rivelazione del campionato: la Fiorentina. Da sottolineare, però, il bellissimo 2-2 contro l’Inter del 25 settembre. Otto giorni dopo, però, la sconfitta contro l’imbattibile Milan per 2-3. Nelle ultime tre gare, infine, due pareggi e una vittoria, quest’ultima contro la Samp. Gli uomini di Gasperini lo sanno che possono fare molto di più.

Gli ultimi tre precedenti contro il Napoli vedono gli atalantini in netto vantaggio: 2 vittorie e un pareggio in terra partenopea.

Ad oggi carta canta: gli uomini di Gasperini corrono. Quelli di Spalletti, di più.

Leave a Reply

Your email address will not be published.