fbpx

Lo Sport del Sud: il Pagellone Brillante

Giugliano

Si è appena concluso il weekend di sport e per la Campania sono arrivati tanti risultati positivi ed anche qualche delusione. In questo articolo proviamo a dare i voti da 1 a 10 ai protagonisti della Campania di questo fine settimana.

1 a MARESCA

É un arbitro campano, ma a livello nazionale e mediatico ha fatto parlare, forse, più di tutte le squadre campane messe insieme. In Roma-Milan ha fatto disastri, prima assegnando un rigore al Milan e poi confermandolo al Var nonostante la palla presa da Ibanez, poi espellendo Theo Hernandez su un’azione viziata da fallo, poi non ha espulso Veretout, infine non assegnando il rigore alla Roma per fallo di Kjaer su Pellegrini, quest’ultimo in partecipazione con Mazzoleni. Domenica da dimenticare per lui, da ricordare per gli altri.

2 al NAPOLI FEMMINILE

Terzo ko di fila e la zona retrocessione che torna a preoccupare in casa azzurra. La sconfitta interna contro la Sampdoria arriva al minuto 98. La settimana prima il ko contro la Juve era arrivato con due gol nei primi 4 minuti, prima ancora 0-1 interno con il Milan dopo un rigore sbagliato. Tre indizi fanno una prova, le ragazze allenate da Pistolesi soffrono di cali di concentrazione. E domenica si va sul campo della Lazio, ferma a 0 punti, con l’obiettivo di interrompere questa striscia negativa.

3 alla JUVE STABIA

Le vespe gialloblu non danno continuità al successo di 7 giorni fa contro il Messina e perdono il derby contro la Turris. Quarto ko nelle ultime 5 giornate, 2 vittorie nelle ultime 8 ed un quattordicesimo posto che non ha nulla a che vedere con le ambizioni di inizio stagione.

4 a PATIAS

Stavolta il 4 non è un voto ma un poker. Quattro gol per l’attaccante italo-brasiliano, classe 1985. A 8 minuti dalla fine il San Giuseppe perdeva 5-0 sul campo della L84 Torino. Il 5-1 di Micheletto sembrava il classico gol della bandiera ed invece nessuno aveva fatto i conti con Alessandro Patias, che dal minuto 14.07 al minuto 19.58, quindi a due secondi dalla sirena (il 5-4 lo ha segnato a 14 secondi dalla sirena) ne fa ben 4, regalando da solo in pratica il pareggio a mister Tarantino e diventando il capocannoniere della Serie A1. Chapeau!

5 alla NAPOLI BASKET

Dopo l’impresa contro Bologna, la squadra di mister Sacripanti cade sul campo di Trieste per 77 a 75. Sconfitta di misura, figlia di una scarsa percentuale nel tiro pesante, quello da 3 punti. Per gli azzurri un 16,7% che fa ancora più effetto se confrontato al 31,8% di Trieste. Un ko che lascia Napoli in piena lotta salvezza.

6 alla CAVESE

Vittoria al “Bacio” per la Cavese di mister Ferazzoli che a 5 minuti dal termine porta a casa l’intera posta in palio contro il San Luca. Il gol di Bacio Terracino vale il secondo posto solitario in classifica nel girone I di serie D, a 3 punti dalla capolista Gelbison. Sognare si può, soprattutto se la difesa continua così: 7 clean sheets su 9 partite disputate.

7 al NAPOLI

Il derby di Salerno era una partita trappola per tantissimi motivi, principalmente per le assenze rumorose di Insigne ed Osimhen. Non è stata una grandissima prestazione ma il gol di Zielinski ha portato la vittoria numero 10 su 11 partite. Sarà pur vero che questo Milan le sta vincendo tutte ma se avessero dato rigore ad Anguissa all’Olimpico e a Pellegrini della Roma contro i rossoneri, oggi la classifica direbbe Napoli 33 e Milan 29

8 allo SCAFATI BASKET

Mister Nanni può sorridere, Scafati non si ferma più. Sul campo della Stella Azzurra, in terra romana, il team scafatese ottiene la quinta vittoria su cinque partite, confermandosi in vetta al proprio girone di Serie A2 di Basket. 3 punti conquistati grazie ad un ultimo quarto eccezionale con un parziale di 12-19 che vale il 61-63 finale

9 al NAPOLI FUTSAL

Dopo la tempesta c’è sempre l’arcobaleno. Il ko interno contro Catania aveva creato dei malumori all’interno dello spogliatoio con capitan Perugini molto criticato per un paio di reti dei siciliani. Ma nel derby contro la Feldi Eboli, in trasferta, il Napoli ha fatto la miglior partita stagionale vincendo per 3-6 e portandosi al decimo posto in classifica. E primo gol in A1 anche per capitan Perugino.

10 al GIUGLIANO

In Europa, anzi in Italia, anzi in Campania esiste una squadra, il Giugliano di mister Ferraro, che sta battendo ogni record. Sul difficile campo del Gladiator arriva un altro successo, il numero 7, senza subire reti. I gol, entrambi su palla inattiva, di Kyeremateng e Poziello fanno volare i tigrotti gialloblu. 21 punti, 7 vittorie su 7, 16 gol fatti e nessun subito ma appena +2 il distacco sulla seconda classificata, l’Aprilia. Ci sarà da soffrire per puntare alla promozione in lega Pro ma questo Giugliano da record fa sognare tutta la Campania.

Leave a Reply

Your email address will not be published.