fbpx

Allegri: “Penso solo al campo, la sentenza definitiva sarà tra due mesi”

allegri

© “ALLEGRI” – FOTO MOSCA

Mala tempora currunt in casa Juventus: adesso c’è da scendere in campo, ed i bianconeri di Max Allegri affronteranno domani l’Atalanta. Non un semplice avversario. Presentando la gara, l’allenatore toscano, ha risposto alle domande dei giornalisti in merito al morale della squadra e, in queste situazioni, come affrontare il campionato senza perdersi.

COSA SI SENTE DI DIRE AI TIFOSI – “Domani è una partita importante perché bisogna chiudere il girone d’andata nel migliore dei modi. Domani è una partita speciale: dopo ieri dobbiamo ricompattarci ancora di più tutti, continuare a lavorare col profilo basso perché noi siamo qui per questo. Io, con lo staff, con i giocatori dobbiamo solo pensare al campo“.

COSA CAMBIA IN CAMPIONATO DOPO LA PENALIZZAZIONE – “Non cambia assolutamente niente. Dobbiamo fare punti, domani è una partita difficile perché l’Atalanta, sta giocando molto bene, è in ottima forma fisica. Noi giochiamo in casa, domani è una partita da affrontare nel migliore dei modi perché dobbiamo cercare di vincere. Vincere ci consentirebbe, momentaneamente vista la nostra classifica, di poter agganciare il settimo posto. Dobbiamo fare un passettino alla volta, poi abbiamo Europa League e Coppa Italia. Da tutte queste situazioni dobbiamo continuare a lavorare, tenere profilo basso e fare il meglio possibile“.

COME RIPARTIRE DAL CAMPO – “Non è che bisogna ripartire, queste vicenda giudiziarie riguardano la società. Ci sarà un ricorso come la società e gli avvocati hanno già comunicato e noi pensiamo al campo. Vista la nuova classifica che momentaneamente è un dato di fatto, abbiamo 22 punti e dobbiamo vincere domani per arrivare a 25 e girare così. Nel girone di ritorno dobbiamo ottenere il massimo per cercare di scalare piano piano posizioni“.

GIOCARE CON LEGGEREZZA ORA – “Alla Juventus non si gioca mai con leggerezza. Abbiamo una pressione per poter vincere. Dobbiamo continuare a fare il nostro lavoro nel migliore dei modi. Dobbiamo recuperare i giocatori, col Monza dovrebbero essere a disposizione Pogba e Vlahovic. Domani avremo a disposizione Cuadrado. Prima della sentenza di ieri, la Juventus aveva 37 punti, un punto dal secondo posto con tutte le possibilità di avere un posto in Champions e magari giocarsi il campionato.

Dobbiamo continuare il nostro dovere perché la sentenza definitiva sarà tra due mesi. Non dovremo farci trovare con dei rimpianti tra due mesi per non aver fatto. Dobbiamo ricompattarci coi tifosi che domani sarà una partita importante. Lo abbiamo fatto anche due mesi fa con l’addio del Presidente, del CdA. Questo è un grosso imprevisto, ma da questo imprevisto singolarmente se ne esce rafforzati, con tutta la serenità del caso e la voglia di fare una cosa molto importante che è quella di vincere le partite sul campo. Un passo alla volta, intanto cerchiamo di arrivare al settimo posto“.

Leggi anche:

Leave a Reply

Your email address will not be published.